Francia, ipotesi o certezze?

10 gennaio 2015 3 commenti

.

Ancora una volta la Francia diventa l’obbiettivo di queste fantomatiche cellule terroristiche islamiche. Che sia vero? Tutto il mondo occidentale raccoglie questa notizia con disprezzo per quello che è accaduto a Parigi, ma pochi, almeno sino ad ora, provano a vedere come la situazione potrebbe realmente essere.

Proviamo a fare una panoramica degli eventi.

Belgio: un criminale, cosiddetto islamista, compie una strage. Molte ombre e dubbi sulla paternità del criminale assalto, lo stesso Telegraph sostiene la tesi di una guerra interna alle forze dei servizi segreti sionisti. Ma anche Haaretz porta avanti la stessa ipotesi.

Francia 2012: un islamico, Mohammed Merah, un individuo in scooter, con
il casco, spara e uccide prima un parà francese a Toulouse, poi altri tre a Montauban (tutti
nordafricani, fra l’altro), infine quattro studenti e insegnanti di una scuola ebraica. Verrà identificato come una vecchia conoscenza della DCRI (Direction Centrale du Réinsegnement Interieur, la loro Digos). Su questo personaggio si riscontrano alcune cose strane: aveva una pistola (una colt 45) caratterizzata da una modifica fatta solo ed unicamente per le forze speciali francesi, inoltre indossava un giubbotto antiproiettile della polizia tagliato su misura del suo minuto corpo. Sul Il Foglio dell’epoca si leggeva che Merah aveva viaggiato in Medioriente sotto copertura della DGSE (Servizi segreti Francesi), mentre lo Shin Beth l’aveva arrestato anni prima in possesso di un coltello. Molti dubbi e domande se le pongono anche i francesi su questi caso rimasto irrisolto. Ma anche il noto musicista ebreo Gilad Atzom ipotizza che Merah fosse stato istruito dalle forze dei servizi israeliani per creare dei false-flag.

Ma perché dovrebbero essere così sciocchi da colpire degli ebrei? E perché oggi si colpiscono delle persone appartenenti ad un giornale satirico proprio nella terra dell’illuminismo, della libertà di pensiero, purché non antisemita? Chi si giova di questi misfatti?

Vien da pensare che il mondo islamico sia impazzito tutto d’un tratto, che abbia perso completamente il pragmatismo che lo caratterizza, ma soprattutto che si stia tirando la zappa sui piedi in maniera anche troppo evidente. Ha senso? No! I pazzi in ogni comunità esistono da tutte le parti, ma arrivare a compiere un atto di sabotaggio come quello odierno ripreso da tutte le tv internazionali è al limite del grottesco, salvo l’impunità degli esecutori che potrebbero avere coperture molto altolocate nei servizi deviati francesi e con la collaborazione sempre attenta e precisa del Mossad.

E perché mai dovrebbero coprire degli assassini? La Francia in questi ultimi mesi ha messo a punto un documento che rappresenta per la comunista sionista francese e americana una spina al fianco della rivoluzione illuministica: il riconoscimento dello stato della Palestina, e non solo, la Palestina il 1°aprile dovrebbe far parte della Corte Internazionale contro i crimini di guerra (ICC) anche se gli Usa hanno evidenziato che la Palestina non essendo stato riconosciuto non è qualificata ad entrare nella Corte Internazionale.  Quale miglior occasione per far capire all’opinione pubblica francese e soprattutto europea che il mondo islamico è il peggior nemico? Quello che si mostra agli occhi è che l’islamismo non accetta nessuna satira, nessuna voce che esca dai canoni teologici che vogliono farci credere. L’Isis ne è una rappresentazione canonica della radicata idea alimentata proficuamente dagli interessi americani e sionisti di Israele.

La cosa più evidente in questa buffonata è che tutti i cosiddetti attentatori sono stati freddati e contro ogni logica non si saprà mai chi sono, chi li ha mandati, cosa volevano fare, quali erano i loro progetti. Stesso sistema usato con Merah, freddato lucidamente prima che si potesse sapere qualcosa. Eppure le forze dell’ordine sanno che una flebile testimonianza vale più di mille cartucce, ma in Francia come in altri luoghi d’oltreoceano si preferisce zittire anziché verificare. C’è comunque una coreografia degna di Hollywood: 88.000 agenti di polizia e delle forze speciali a caccia di 3 deficienti, forse 4 con un costo sociale mostruosamente enorme. C’è qualcosa che non quadra, così almeno appare.

In Francia si accoppano alcuni giornalisti (12) più 4 ostaggi del supermercato Kosher, si mobilitano esercito (le forze speciali), le teste di cuoio (o di legno), migliaia di agenti, l’aeronautica, vigli del fuoco, in servizi segreti in abbinata a quelli americani della Nsa e inglesi del MI6/MI5 compresi i sempre presenti del Mossad e nel frattempo, nelle stesse ore in Nigeria  le squadre di un altro pazzo (Boko Haram) fanno strage di almeno 2000 persone massacrandole a colpi di macete e quant’altro la fantasia produca.

Eppure i nostri media sono tutti febbrilmente eccitati di riportare la notizia più cruenta di quanto accaduto a Parigi. Caspita: non c’è sangue, non si vedono morti, non c’è il parapiglia e il terrore nelle facce della gente come si poteva scorgere in quelli di Kiev o del Donbass, ma il giornalismo affannato cerca comunque di emulare la sensazione dell’11/9 americano come dire “Anche noi! Anche noi abbiamo avuto un attacco di Al-Qaeda”. Possiamo essere da meno dei nostri cari alleati? Certo che no! Eppure analizzando alcune immagini è possibile scoprire che ci sono molti dubbi: il sangue del poliziotto freddato NON si vede, l’auto dei due attentatori ha le calottine dei retrovisori bianche, quella ritrovata dello stesso colore ha invece le calottine nere;

Auto_01

 

auto_02

questi fantomatici fratelli che hanno eseguito un’operazione di guerra istruiti (così ci dicono) nello Yemen, sono così istruiti da dimenticare addirittura la carta d’identità nell’auto per farsi riconoscere. Ma so proprio scemi ‘sti due qua, vi pare? Addirittura uno perde una scarpa, ma il giornalismo becero ci indica la freddezza dell’uomo, la raccoglie e se ne va con calma in auto. Altra cosa le riprese video:come facevano i giornalisti a sapere che in quella pare della strada si sarebbe stato un evento del genere? Mistero e perché assieme a loro c’erano anche alcune persone con giubbotto antiproiettile? Come mai è stato ammazzato proprio colui (Bernard Maris) che aveva proposto la cancellazione del debito pubblico francese? E come mai un ufficiale di polizia si suicida prima di inviare il suo rapporto sulla sorveglianza di alcune vittime di Hebdo?

Le domande sono tante e per non ora non c’è una risposta assoluta, ma quello che rimane dopo un avvenimento del genere, che probabilmente ha creato dei luttio, è il vuoto, l’assenza completa della sensazione di far parte di una società che ormai è completamente priva di valori, allo sbando senza nessun riferimento alla realtà. Questi fatti sono sicuramente reali, almeno dovrebbero esserlo, ma si poggiano su un castello di sabbia che prima o dopo crollerà rovinosamente su chi li ha architettati, purtroppo con loro molti di noi ci andranno dietro.

Un bel tacer non fu mai scritto…

3 gennaio 2015 Lascia un commento

.

Una delle cose che spesso denuncio al giornalismo prezzolato è di dimenticare, di lasciar perdere, di essere sciattoni, sfuggenti e arrivisti, sempre sulla cresta dell’onda della notizia del giorno, dimenticando fatti e misfatti del passato che comunque sono sempre presenti ed attuali, poiché il presente ed il nostro futuro si regge su quanto è avvenuto in passato.

20 anni fa in  una zona dell’Africa, il Ruanda, in 100 giorni furono massacrate oltre 1.000.000 di persone nell’indifferenza totale delle nazioni del mondo. Il silenzio assordante e le assurde interpretazioni che vi furono all’epoca non furono utili per evitare i massacri efferati che quella gente subì ad opera degli Hutu contro i Tutsi. Per la verità non pare esistano differenziazione di razza tra i due gruppi Hutu e Tutsi, ma solo una distinzione di carattere sociale che fu utile ai coloni (i belgi) per seminare zizzania e creare quel miscuglio ideale per scatenare i massacri che accaddero nel 1994 e prima ancora nel 1963.

Gli assassini in Ruanda non usarono camere a gas, ma ottennero armi e munizioni dalle stesse nazioni che gridavano al massacro. Israele fu una di queste, fornendo armi e munizioni, fucili e granate, tutto materiale sottratto durante la guerra dello Yom Kippur del 1973. Possiamo leggere anche in wikipedia: «Durante un notiziario del 2000 il The Guardian rivelò che "l’ex Segretario generale dell’ONU, Boutros Boutros-Ghali, giocò un ruolo importante nella fornitura di armi al regime Hutu, il quale ha realizzato una campagna di genocidio contro i Tutsi in Ruanda nel 1994. Come ministro degli esteri in Egitto, Boutros-Ghali ha facilitato un affare di armi nel 1990, che era di $26 milioni (18 milioni di sterline) di bombe di mortaio, lanciarazzi, granate e munizioni, trasferite dal Cairo al Ruanda. Le armi furono utilizzate dagli Hutu in attacchi che hanno portato fino a 1.000.000 di morti"» Indovinate da dove venivano le armi che l’Egitto esportava?

La notizia evidenzia con chiare argomentazioni come la corte di Tel Aviv abbia rigettato una petizione che chiedeva di rivelare le esportazioni di armi agli Hutu negli anni ‘90. Ma la stessa cosa sta accadendo anche oggi, sotto i nostri occhi e vicino alle nostre coste italiche, migliaia di persone sono costrette alla fuga o, nei casi peggiori, ad essere vilmente massacrate da bande finanziate sempre dagli stessi che allora armavano gli Hutu. Sempre gli stessi!

Il silenzio è d’obbligo, sono ancora vivi e vegeti coloro che permisero una mostruosità del genere e l’onorabilità è salva.

Auguri a Renzi e a tutti i compagni del PD

31 dicembre 2014 1 commento

 

Mi sento in vena poetica e augurale in questo giorno del 2014, in cui tra poco avremo il cosiddetto “ultimo” discorso del nostro amato Presidente che tutti siamo ansiosi di poter udire in religioso silenzio.

La vena poetica però me l’ha data un giovane su youtube che ha espresso l’esatto profilo dei compagni del PD, Renzi compreso.

E’ inutile che voti PD pensando che una volta era il Partito Comunista Italiano, è come trombarsi una vecchia pensando che da giovane era un gran figa!
Hai capito?
E poi…per voi comunisti ricordatevi che il Viagra non funziona, perché
l’hanno inventato per il cazzo e non per i coglioni!

Bisogna ammettere che con poche parole s’è dipinto la figura esatta di quella massa informe di parassiti che sostengono il bamboccione.

Buon Anno!

La trappola dell’oro del Gran Maestro Putin

24 novembre 2014 Lascia un commento

Pitocco:

Mentre in Italia il parassitismo politico e servile del mondo anglosassone volge lo sguardo agli avvenimenti oltre Atlatico o sulle esibizioni di quattro inutile ragazze dileggianti la religione o sulle vicende alternte del nostro buffone di turno, di là, oltre cortina, come si usava dire ai tempi della guerra fredda, si sta attuando una guerra che ci vedrà perdenti su tutti i fronti. Se non apriremo gli occhi prima e non cercheremo di sterzare velocemente ci troveremo nel giro di pochissimo tempo totalmente messi all’angolo.

Originally posted on Aurora:

Dmitrij Kalinichenko, Investcafe.ru, 18 novembre 2014 – Fort Russia06f3a6907a11536e3b857e8015ae76f_cbr-rate-december-cut.siLe accuse dell’occidente verso Putin tradizionalmente si basano sul fatto che lavorava nel KGB, e che perciò sia crudele e immorale. Putin è colpevole di tutto, ma nessuno l’ha mai accusato di mancanza d’intelligenza. Tutte le accuse contro quest’uomo ne risaltano solo la capacità di pensiero analitico e come rapidamente prenda decisioni politiche ed economiche chiare ed equilibrate. Spesso i media occidentali confrontano questa capacità con l’abilità di un grande maestro che partecipa a partite di scacchi simultanee. I recenti sviluppi economici di Stati Uniti e occidente in generale, ci permettono di concludere che qui la valutazione dei media occidentali della personalità di Putin è perfetta. Nonostante le numerose segnalazioni dei successi, nello stile di Fox News e CNN, oggi l’economia occidentale, guidata dagli Stati Uniti, è caduta nella trappola di Putin, la cui via d’uscita non viene vista da nessuno…

View original 2.588 altre parole

Categorie: Uncategorized

Attentato Gerusalemme

19 novembre 2014 1 commento

 

Oggi s’è letto che a Gerusalemme alcuni "terroristi" avrebbero compiuto un attentato suicida contro una sinagoga di ebrei ortodossi. I Terroristi avrebbero ucciso alcuni rabbini 3 dei quali americani ed un inglese. Secondo alcuni media i palestinesi di Gaza avrebbero festeggiato alla notizia donando dolci alla popolazione palestinese.

Bene, rimaniamo su queste cose: attacco ad una sinagoga e festeggiamenti a Gaza.

Facciamo un passo indietro. Nel 2012 l’Italia riconosce "come osservatore all’Onu" lo stato palestinese con grande imbarazzo di Israele, ad ottobre 2014  la Svezia riconosce la Palestina mentre il ministro degli esteri Liberman giudica deplorevole questa scelta; di queste ultime ore,  la Spagna ha approvato una risoluzione non vincolante per il riconoscimento della Palestina come Stato indipendente,  precedentemente la Mogherini abbozza un discorso molto vicino al riconoscimento dello stato palestinese adducendo: «Dopo i fatti di Gaza, il desiderio della gente è che non si vada avanti così per vent’anni. Anche perché,  in assenza di rappacificazione, avremo una Gaza dopo l’altra. C’è una consapevolezza che rappresenta una finestra di opportunità. […] Bisogna guardare alla luna, non al dito. Il riconoscimento è il dito. La luna è lo Stato palestinese, l’elemento più importante. Trovo che il nodo più interessante è se riusciremo ad avere uno Stato palestinese nei miei cinque anni di mandato.» Non male come parole da un ministro che prende ordini e suggerimenti da un ebreo-americano come Michael Ledeen molto vicino al radical-pensiero sionista stile Libermann. E’ strano però!! Come è possibile che una persona istruita e allevata nei gangli giudaico-massonici sia così ardita da esprimere certi pensieri…?

Nel contempo l’Onu sta discutendo sulle atrocità commesse a Gaza dai sionisti del non-stato nelle due guerre precedenti, l’ultima delle quali finita da pochi mesi, mentre gli Stati Uniti porgono una mano all’Iran trattando pure sulla riduzione delle sanzioni economiche sulla base di una revisione politica interna dell’Iran.

In Cisgiordania alcuni coloni attaccano e distruggono una moschea (al Mughayir nei pressi di Ramallah) a Gaza dopo un attacco aereo ad una moschea sono stati uccise tre persone.  La Spianata delle Moschee viene chiusa per ordine di Nethanyau. La lista potrebbe andare avanti ancora per molto.

Si diceva che i palestinesi avrebbero donato dolci per festeggiare la morte dei 4 rabbini, vero o falso che sia la notizia, trovo poco elegante da parte dei media il non aver evidenziato come molti sionisti, seduti su comode sedie, ammiravano i fuochi delle esplosioni che avvenivano a Gaza durante l’ultima carneficina. Sotto quelle bombe c’erano vite umane, come quelle dei 4 sionisti. Se vera la notizia dei pasticcini, essa trova il suo equilibrio in quello che facevano gli stessi ebrei nei mesi passati, sorseggiando bevande e mangiando allegramente alla visione dei massacri.

Però rimane il fatto più importante: che motivo avrebbe Mahmūd Abbās a cercare un nuovo conflitto con i sionisti? E Hamas potrebbe essere lui l’artefice di questo osceno attentato? A prima vista potrebbe sembrare che gli accordi tra i due arabi finiscano sullo stesso tracciato, ma Abbas ed Hams stanno su tracciati diversi per la situazione in Palestina, anche se Netanyahu afferma il contrario…

Appare quindi che l’attuale situazione in quella parte del Medio Oriente sia oggetto, ancora una volta, di attenzione soprattutto per quelle nazioni che lentamente stanno perdendo smalto nei confronti d Israele. Sembra quasi un cosiddetto false-flag creato bell’apposta per dimostrare all’opinione pubblica mondiale che il terrorismo islamico adesso colpisce dentro la casa di Sione. C’è anche da meravigliarsi, però, quando si scopre che gli stessi sionisti abbiano usato le loro strutture per dare assistenza e protezione ai macellai dell’ISIS ai confini con la Siria e che infiltrino tra le file dei palestinesi esacerbati dai continui massacri dell’aviazione israeliana personaggi molto peggiori di Hamas.

Ucraina: false-flag

22 agosto 2014 Lascia un commento

.

Il silenzio regna sovrano, non più una parola e nessuna indagine in corso, eppure qualche settimana fa veniva abbattuto un aereo con decine di persone a bordo. Le cause del disastro riconducibili ad un’azione militare della Russia.

Ora invece nessun quotidiano e media televisivo non ne parla più! Come mai? Le ultime notizie davano che le scatole nere trovate dai ribelli filo russi erano state consegnate alla Malaysian Airlines la quale le aveva consegnate all’Inghilterra data la loro profonda esperienza. Silenzio tombale!

Solo il Wall Street Journal riporta una notizia stringata asserendo che le scatole nere consegnate agli ispettori del Regno Unito sono obsolete tanto che non potranno dare le informazioni ricercate: una vera sfortuna! Eppure, ad onor del vero, scatole nere anche degli anni ‘80 permettono di avere le comunicazioni degli ultimi secondi di volo e tutti i dati tecnici necessari per poter capire il disastro accaduto. Queste invece prodotte alla metà degli anni ‘90 sono obsolete, antiquate, incapaci di fornire il dato principale che l’occidente ricerca disperatamente, ovvero l’attacco del missile Sa-11 ad opera delle forze filo-russe. Eppure le prove satellitari degli Usa dimostravano chiaramente l’origine da dove era partito il missile, tanto che Kerry esprimeva chiaramente la sua accusa contro la Russia, ma allo stesso tempo la Russia affermava che le immagini prodotto non hanno nessun riferimento al disastro e che con i sistemi in possesso degli Usa le immagini avrebbero potuto essere meglio definite e più particolareggiate.

Ma la Malaysia, tramite il New Straits Times, non ci sta ed attacca Kiev per aver creato questo false-flag, abbattendo l’areo con i missili a loro disposizione e crivellandolo di colpi ad opera di un Sukoi-25. A supporto di quanto dichiarato dalla Malaysia c’è anche la dichiarazione di un pilota tedesco, il quale ha evidenziato che molte parti dell’aereo sono state crivellate da colpi di mitragliatrice di un Sukoi-25.

In sostanza un vero è proprio tentativo per coinvolgere la Russia in un conflitto mondiale andato a vuoto, tanto che nelle scatole nere non viene evidenziato quanto si voleva dimostrare. Pensate se avessero trovato i dati che avessero confermato le loro ipotesi!

Oltre a questo, a ferragosto, il Guardian riportava una notizia che una colonna blindata russa aveva varcato il confine ucraino e che era stata distrutta dalle forze di Kiev. Stranamente l’11 agosto il segretario della Nato Rasmussen mandava alcune notizie alle agenzie: “NATO’S RASMUSSEN SEES “HIGH PROBABILITY” THAT RUSSIA COULD INTERVENE MILITARILY IN EASTERN UKRAINE”. Più avanti, tramite un tweet scriveva: «L’Europa è più pericolosa e meno stabile di un anno fa. La NATO deve essere pronta per qualunque cosa il futuro porti».

Cosa accade in quei giorni ormai è storia, ma le borse crollano, il presidente Usa afferma che “alla luce dei recenti sviluppi in Ucraina” e il suo prossimo viaggio in Estonia “sarà l’occasione per confermare la nostra ferrea fedeltà all’articolo V della Nato”. Poche ore dopo queste dichiarazioni la Casa Bianca cambia marcia confermando che i russi hanno sì intenzione di aggredire l’Ucraina, ma che non possono confermare le asserzioni di Kiev e che stanno informazioni sul convoglio distrutto dalle forze ucraine.

Nello stesso periodo un noto blogger, molto attento alle variazione dei mercati, nota che il prezzo dell’oro ha un crollo improvviso senza nessun motivo apparente. “…l’ORO è un problema enorme per il dollar standard, e deve essere tenuto sotto controllo e sotto pressione PRIMA che accada qualcosa.” e “verso le 18.00 ora italiana arriva il flusso di notizie sulla presunta distruzione di mezzi presunti armati, che proverrebbero dalla Russia in territorio Ukraino

Risultato:

Oro

Se ci ricordiamo la stessa cosa era avvenuta anche nel 2001 con l’acquisto di titoli della United Airlines e della American Airlines ad opera della Chicago Board Option Exchange per conto di una finanziaria la AB-Brown di cui era stato presidente esecutivo A.B.Krongard, il numero 3 della Cia al momento dell’attentato alle Torri Gemelle.

L’Ucraina ha una impellente necessità di coinvolgere la Russia in un conflitto che solo l’aiuto della Nato è in grado di risolvere, a dire loro.

Indignazione generale, ovvero mal comune mezzo gaudio.

30 luglio 2014 Lascia un commento

 

Gaza prima…

Gaza_01

e dopo…

Gaza_02

 

Gaza_06

 

 

Gaza_07

.

L’indignazione del mondo occidentale sembra essere di quelle vere, quelle che non lasciano spazio a risposte: in Libia, se ricordate, proprio a causa dell’indignazione dovuta ai “massacri” che il dittatore Gheddafi attuava sulla popolazione di Misurata che chiedeva più democrazia, più libertà, gli stati europei e transatlantici furono costretti a mettere a ferro e fuoco quel paese. Anche l’Italia vi partecipò perché l’indignazione aveva raggiunto il suo limite e solo con la forza si sarebbero riportate le cose al loro giusto posto, ma giustamente il nostro presidente Napolitano ebbe a direFaremo ciò che è necessario, come l’Onu e gli altri Paesi», e alle domande dei giornalisti se l’Italia entrava in guerra egli rispose con grande senso per la carica istituzionale che ricopre: «Vedo che qui si lavora per la pace. Poi, altrove, facciamo la nostra parte come membro attivo della comunità internazionale, interessati come tutti i paesi che sono nel G8 e nell’organizzazione delle Nazioni Unite, interessati ad affermare dei principi e ad esigere il rispetto di valori fondamentali come i diritti umani e le aspirazioni di liberta’ e giustizia sociale oggi, in modo particolare, nel mondo arabo. E faremo ciò che è necessario anche noi»

Ora accade la stessa cosa, l’indignazione, la rabbia per le migliaia (1.245) di morti civili a Gaza scuotono le coscienze del mondo occidentale, il quale si chiede se sia giusto rispondere con i massacri mirati (da ascoltare le domande interessanti del giornalista inglese Snow a Mark Regev) per permettere a quella popolazione di vivere in libertà, in democrazia. Tutti fanno levata di scudi, anche quelli che fino a ieri avrebbero chiuso occhi ed orecchie, come la BBC inglese, o come Channel24 della Francia. Persino la testata del PD, News24, non tace sugli efferati massacri, sugli smembramenti dei bimbi e sui massacri voluti da un manipolo di avanzi di galera…ma essi continuano fintanto che i lamenti diverranno sottofondo monotono.

Eppure nella vicina Arabia il principe Bandar bin Sultan bin Abdulaziz bin Saud è ritornato al potere come «consigliere del Re e suo inviato speciale». Il principe Bandar fu quell’ometto che prima delle Olimpiadi di Soci minacciò direttamente Putin se non cessava di appoggiare i siriani contro le bande dei tagliagole da lui controllate facendogli capire che avrebbe potuto avere delle sorprese dagli islamici ceceni che lui stesso (l’Arabia) controlla. In sostanza questo personaggio sta ora concentrando gli sforzi per ripulire l’area irachena dagli ipocriti, più pericolosi dei non credenti, poiché nel santo Corano si chiede di combattere gli ipocriti prima dei giudei o di Israele. Netanyahu può quindi dormire sogni tranquilli che a Gaza non ci saranno i takfiri, i salkafiti gli smembratori, nessun pericolo, per ora. Tutti gli sforzi sono quindi necessari per annientare Hamas ed evitare che, assieme a Fatah possa cambiare la strategia politica di Gaza. Strategia politica che potrebbe essere negativa per lo stato sionista poiché già nel 2007 l’ex capo di stato maggiore della Israeli Defence Force (IDF), Moshe Ya’alon, ammetteva che i veri obbiettivi dell’operazione Piombo Fuso erano i giacimenti di Gas stimati in 1,4 miliardi di metri cubi che non sarebbero finiti per migliorare la vita dei cittadini di Gaza, ma avrebbero permesso ad Hamas di finanziare i terroristi stessi. Queste le giustificazioni di Yahlon, ma nella realtà appare sempre più evidente che una maggior indipendenza dei palestinesi per le forniture energetiche darebbe più peso economico nello scenario internazionale, cosa questa che non è possibile accettare secondo l’ideologia talmudico-sionista.

I media nazionali, interessati alle leggi elettorali, alla riduzione del senato ed alle prebende politiche nascondono ed omettono notizie di primissimo piano facendo invece mielina di fronte all’arroganza sfacciata della feccia sionista che per voce del loro megafono (Il Foglio) insistono sul diritto alla difesa, anche aggredendo, distraendo le vere mire sioniste. Ferrara è bravo in questo compito! Ma gli interessi incrociati tra Italia ed il Non-Stato sono molti: si pensi al settore delle armi, al commercio alimentare e agricolo che coinvolge i due paesi, senza dimenticare l’importanza immensa che offre l’Italia al Medioriente come enorme orecchio d’ascolto e come portaerei naturale. Probabilmente se gli italiani facessero un pochino la voce grossa qualche piccolo risultato lo potrebbe ottenere, ma c’è anche da dire che la codardia e l’opportunismo tipicamente italiano impediscono qualsiasi azione, anche solo a pensarla.

Nel frattempo a Gaza si schiatta come blatte nell’indignazioni retorica internazionale, ma nell’indifferenza globale.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 122 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: