Archivio

Posts Tagged ‘Nato’

Francia, ipotesi o certezze?

10 gennaio 2015 3 commenti

.

Ancora una volta la Francia diventa l’obbiettivo di queste fantomatiche cellule terroristiche islamiche. Che sia vero? Tutto il mondo occidentale raccoglie questa notizia con disprezzo per quello che è accaduto a Parigi, ma pochi, almeno sino ad ora, provano a vedere come la situazione potrebbe realmente essere.

Proviamo a fare una panoramica degli eventi.

Belgio: un criminale, cosiddetto islamista, compie una strage. Molte ombre e dubbi sulla paternità del criminale assalto, lo stesso Telegraph sostiene la tesi di una guerra interna alle forze dei servizi segreti sionisti. Ma anche Haaretz porta avanti la stessa ipotesi.

Francia 2012: un islamico, Mohammed Merah, un individuo in scooter, con
il casco, spara e uccide prima un parà francese a Toulouse, poi altri tre a Montauban (tutti
nordafricani, fra l’altro), infine quattro studenti e insegnanti di una scuola ebraica. Verrà identificato come una vecchia conoscenza della DCRI (Direction Centrale du Réinsegnement Interieur, la loro Digos). Su questo personaggio si riscontrano alcune cose strane: aveva una pistola (una colt 45) caratterizzata da una modifica fatta solo ed unicamente per le forze speciali francesi, inoltre indossava un giubbotto antiproiettile della polizia tagliato su misura del suo minuto corpo. Sul Il Foglio dell’epoca si leggeva che Merah aveva viaggiato in Medioriente sotto copertura della DGSE (Servizi segreti Francesi), mentre lo Shin Beth l’aveva arrestato anni prima in possesso di un coltello. Molti dubbi e domande se le pongono anche i francesi su questi caso rimasto irrisolto. Ma anche il noto musicista ebreo Gilad Atzom ipotizza che Merah fosse stato istruito dalle forze dei servizi israeliani per creare dei false-flag.

Ma perché dovrebbero essere così sciocchi da colpire degli ebrei? E perché oggi si colpiscono delle persone appartenenti ad un giornale satirico proprio nella terra dell’illuminismo, della libertà di pensiero, purché non antisemita? Chi si giova di questi misfatti?

Vien da pensare che il mondo islamico sia impazzito tutto d’un tratto, che abbia perso completamente il pragmatismo che lo caratterizza, ma soprattutto che si stia tirando la zappa sui piedi in maniera anche troppo evidente. Ha senso? No! I pazzi in ogni comunità esistono da tutte le parti, ma arrivare a compiere un atto di sabotaggio come quello odierno ripreso da tutte le tv internazionali è al limite del grottesco, salvo l’impunità degli esecutori che potrebbero avere coperture molto altolocate nei servizi deviati francesi e con la collaborazione sempre attenta e precisa del Mossad.

E perché mai dovrebbero coprire degli assassini? La Francia in questi ultimi mesi ha messo a punto un documento che rappresenta per la comunista sionista francese e americana una spina al fianco della rivoluzione illuministica: il riconoscimento dello stato della Palestina, e non solo, la Palestina il 1°aprile dovrebbe far parte della Corte Internazionale contro i crimini di guerra (ICC) anche se gli Usa hanno evidenziato che la Palestina non essendo stato riconosciuto non è qualificata ad entrare nella Corte Internazionale.  Quale miglior occasione per far capire all’opinione pubblica francese e soprattutto europea che il mondo islamico è il peggior nemico? Quello che si mostra agli occhi è che l’islamismo non accetta nessuna satira, nessuna voce che esca dai canoni teologici che vogliono farci credere. L’Isis ne è una rappresentazione canonica della radicata idea alimentata proficuamente dagli interessi americani e sionisti di Israele.

La cosa più evidente in questa buffonata è che tutti i cosiddetti attentatori sono stati freddati e contro ogni logica non si saprà mai chi sono, chi li ha mandati, cosa volevano fare, quali erano i loro progetti. Stesso sistema usato con Merah, freddato lucidamente prima che si potesse sapere qualcosa. Eppure le forze dell’ordine sanno che una flebile testimonianza vale più di mille cartucce, ma in Francia come in altri luoghi d’oltreoceano si preferisce zittire anziché verificare. C’è comunque una coreografia degna di Hollywood: 88.000 agenti di polizia e delle forze speciali a caccia di 3 deficienti, forse 4 con un costo sociale mostruosamente enorme. C’è qualcosa che non quadra, così almeno appare.

In Francia si accoppano alcuni giornalisti (12) più 4 ostaggi del supermercato Kosher, si mobilitano esercito (le forze speciali), le teste di cuoio (o di legno), migliaia di agenti, l’aeronautica, vigli del fuoco, in servizi segreti in abbinata a quelli americani della Nsa e inglesi del MI6/MI5 compresi i sempre presenti del Mossad e nel frattempo, nelle stesse ore in Nigeria  le squadre di un altro pazzo (Boko Haram) fanno strage di almeno 2000 persone massacrandole a colpi di macete e quant’altro la fantasia produca.

Eppure i nostri media sono tutti febbrilmente eccitati di riportare la notizia più cruenta di quanto accaduto a Parigi. Caspita: non c’è sangue, non si vedono morti, non c’è il parapiglia e il terrore nelle facce della gente come si poteva scorgere in quelli di Kiev o del Donbass, ma il giornalismo affannato cerca comunque di emulare la sensazione dell’11/9 americano come dire “Anche noi! Anche noi abbiamo avuto un attacco di Al-Qaeda”. Possiamo essere da meno dei nostri cari alleati? Certo che no! Eppure analizzando alcune immagini è possibile scoprire che ci sono molti dubbi: il sangue del poliziotto freddato NON si vede, l’auto dei due attentatori ha le calottine dei retrovisori bianche, quella ritrovata dello stesso colore ha invece le calottine nere;

Auto_01

auto_02

questi fantomatici fratelli che hanno eseguito un’operazione di guerra istruiti (così ci dicono) nello Yemen, sono così istruiti da dimenticare addirittura la carta d’identità nell’auto per farsi riconoscere. Ma so proprio scemi ‘sti due qua, vi pare? Addirittura uno perde una scarpa, ma il giornalismo becero ci indica la freddezza dell’uomo, la raccoglie e se ne va con calma in auto. Altra cosa le riprese video:come facevano i giornalisti a sapere che in quella pare della strada si sarebbe stato un evento del genere? Mistero e perché assieme a loro c’erano anche alcune persone con giubbotto antiproiettile? Come mai è stato ammazzato proprio colui (Bernard Maris) che aveva proposto la cancellazione del debito pubblico francese? E come mai un ufficiale di polizia si suicida prima di inviare il suo rapporto sulla sorveglianza di alcune vittime di Hebdo?

Le domande sono tante e per ora non c’è una risposta assoluta, ma quello che rimane dopo un avvenimento del genere, che probabilmente ha creato dei lutti, è il vuoto, l’assenza completa della sensazione di far parte di una società che ormai è completamente priva di valori, allo sbando senza nessun riferimento alla realtà. Questi fatti sono sicuramente reali, almeno dovrebbero esserlo, ma si poggiano su un castello di sabbia che prima o dopo crollerà rovinosamente su chi li ha architettati, purtroppo con loro molti di noi ci andranno dietro.

———————–

Aggiornamento:

I fatti di Charlie Ebdo, che caso, sono stati secretati, ovvero top-secret, segreto di stato.

Ma non erano stati dei terroristi a compiere questi misfatti? Chissà Hollande cosa risponderebbe a qualche impavido giornalista che si arrischiasse di fargli una domanda sulle indagine di questa “strage”.

Taranto, what’s up?

26 novembre 2012 Lascia un commento

.

Le primarie sono terminate, grazie al cielo e per qualche giorno non sentiremo più farneticazioni di sorta proferite dai vari piazzisti. Da destra a sinistra un coro di promesse di cambiamenti, di giuramenti, di discussioni noiosissime e scontate come sempre accade in Italia. Chi urla di più, a volte è ascoltato.

In questo frastuono pre-elettorale continua invece indefessamente l’attività dei giudici di Taranto sul problema dell’inquinamento del polo industriale della città. Sono stati arrestati i proprietari dell’Ilva assieme ad altre persone tra le quali Michele Conserva, ex assessore all’Ambiente della provincia di Taranto. I problemi dei sequestri e dismissioni ce li hanno urlati nelle orecchie per molti mesi: inquinamento, salute pubblica e ambiente.

Tutte cose sulle quali non si può scherzare e che pone la questione su due aspetti fondamentali: l’acciaio in Italia e la sua localizzazione.

Come per l’Alcoa in Sardegna anche nel caso dell’acciaio ci sono delle crepe informative che non rendono giustizia a ciò che accade. Nel caso dell’Alcoa i forni per la fusione vengono alimentati da corrente elettrica che viene erogata ad un prezzo molto più basso di quello che altre industrie pagano. La differenza di costo viene pagata dalla popolazione italiana. Si spiega quindi perché l’Alcoa, una multinazionale, sia più interessata a fare i suoi investimenti in altre zone dove il costo dell’energia non abbia ripercussioni sul prezzo finale del prodotto. Nel caso dell’Ilva le cose non sono diverse. Anche in questo caso i costi di produzione per gli alti forni sono per una altissima percentuale alimentati con energia elettrica, anche qui a costo convenuto, la cui differenza viene assorbita da pantalone.

La località che vede il polo di Taranto il principale produttore europeo di acciaio è alquanto bizzarra: 1100 km di distanza dal confine del Brennero, oppure la navigazione lungo il Mediterraneo-Atlantico-Canale della Manica-Mare del Nord per giungere nei porti industriali di Germania, Olanda e Inghilterra. I costi dei trasporti, nonostante siano calati paurosamente in questi ultimi 5 anni, hanno comunque un peso notevole per una materia prima essenziale per molte parti dell’economie. Non solleviamo il problema del trasporto su gomma che con gli aumenti del costo dei carburanti e la lunghezza solo per arrivare al confine italiano vedrebbe vanificare qualsiasi economia di scala. Insomma la scelta di Taranto come luogo per la produzione dell’acciaio, non solo è bizzarra, ma è frutto di una politica affaristica per lo sviluppo del mezzogiorno degli ultimi 40 anni che non sembra aver prodotto benessere sociale diffuso, ma sviluppato tutta una serie infinita di problematiche legate all’inquinamento e alla salute pubblica.

Qui si inserisce quindi la considerazione, che già altri sottolinearono, del perché proprio ora, in questo periodo preciso della nostra politica nazionale e internazionale (si faccia mente locale sugli sviluppi che stanno avvenendo nel Medioriente), alcuni giudici abbiamo mosso le loro carte al fine di far chiudere per sempre un’industria italiana, uno delle poche rimaste. La domanda che sorge spontanea e che non avrà mai nessuna risposta: questi giudici dove stavano prima? Perché hanno omesso per anni di indagare sui devastanti effetti cancerogeni e nocivi delle emissioni gassose dell’Ilva? Sono anch’essi colpevoli, alla pari dei proprietari dell’Ilva, di omissione d’atti d’ufficio?

E’ pacifico che non ci potrà essere nessuna risposta, la casta dei magistrati è intoccabile. Però a guardare bene i fatti le domande sorgono spontanee, mentre invece la gran cassa mediatica dei soliti giornalisti proni al potere costituito preservarono su considerazioni spesso al limite del pettegolezzo da lavandaie.

Eppure, nelle fessure mediatiche, alcune indicazioni sembrano prendere corpo in maniera specifica sulle operazioni che i nostri governi hanno compiuto in collegamento con quelli americani. Non sappiamo se queste operazioni sia state imposte o condivise, ma ‘sembra’ che la cessione del polo industriale dell’Ilva abbia nella realtà un interesse per la US Navy che vede nel porto di Taranto un’occasione eccezionale per installare un polo di smistamento di sottomarini nucleari, sfruttando l’area che sarà dismessa dell’Ilva come base operativa per la VI° flotta americana. Lo scopo è evidente: ascoltare, indagare, carpire tutte le informazioni e comunicazioni provenienti dall’est, ma al tempo stesso controllando quella parte del Mediterraneo che diventerà sempre più incandescente.

Esistono quindi due filosofie per affrontare questo problema: cessione della propria sovranità, conversione industriale del settore acciaio e reimpiego degli attuali 12.000 dipendenti dell’Ilva e risanamento ambientale. E’ pacifico che nessuno saprà esattamente quello che accadrà, ma sapendo di che pasta sono i nostri amministratori, spesso servili e facilmente soggiogabili, non è impossibile pensare che la soluzione che andrà presa sarà la cessione della propria sovranità cedendo alla Us Navy Forces l’intera area. Il cambio sarà probabilmente indolore per le nostre casse, a primo vista, ma la ricaduta sociale ed economica sarà devastante. Probabilmente gli stranieri si preoccuperanno di ‘risanare’ a modo loro l’area sulla quale non avremmo nessun controllo e della quale non sapremo, per esempio, che fine faranno le scorie degli alti forni e dove verranno gettate. I futuri amministratori diranno che con una fava abbiamo preso due piccioni: risanamento dell’area e reimpiego di parte delle maestranze all’interno del mega porto militare di Taranto.

Depistaggi Nato e False Flag

27 giugno 2012 Lascia un commento

.

Qualche giorno fa è stato abbattuto un aereo ricognitore turco dai siriani, questa la notizia che ha la Turchia ha dato: “stava sorvolando una zona del territorio turco al confine con la Siria, ma che vi è stato uno sconfinamento logistico“. Il ministro del esteri turco corregge successivamente la versione affermando che il velivolo abbattuto si trovava in acqua internazionali, privo di armamento e con i sistema di riconoscimento attivo.

Alcune osservazioni sono necessarie. Un aereo ricognitore NON è un F-4 che invece è un cacciabombardiere e non ha nessuna caratteristica per essere un ricognitore, inoltre il suddetto aereo anche se vecchio, era aggiornato nell’avionica dagli israeliani. L’aereo abbattuto, secondo le dichiarazioni dei siriani, si trovava ad 1 km dalle coste siriane e volava a 100 metri d’altezza.

Due versioni contrastanti ed opposte, ma nessuno si è preso la briga di capire che ci faceva un aereo turco in quella zona e perché.

Si da il caso che già a marzo la coalizione Nato-Europea e di alcuni paesi arabi (Arabia Saudita, Qatar) svolse nei cieli turchi una esercitazione aeronautica denominata Anatolian Eagle 2012/1, mentre a giugno si è conclusa la fase Anatolian Eagle 2012/2 quella che ha visto impegnata anche la nostra Aeronautica Militare. Le operazioni, stando ad alcune dichiarazione ufficiale del Pentagono, hanno lo scopo di “Condurre tutta una serie di missioni aeree comprese l’interdizione (sottinteso di sorvolo, ossia la «no fly zone»), l’attacco, la superiorità aerea, la soppressione della difesa aerea, il ponte aereo, il rifornimento in volo, la ricognizione”. In sostanza si sta mettendo a punto un sistema simile alla no-fly-zone come attuato in a suo tempo in Libia. Ma la Siria non è la Libia, e la risposta non s’è fatta attendere.

Nei fatti il problema di fondo è che l’aeronautica turca ha violato per mesi lo spazio aereo siriano in missioni di ricognizione per conto della NATO, fornendo informazioni sulle posizioni e movimenti dell’esercito siriano ai mercenari ASL e agli stranieri che combattono in Siria per cercare di rovesciare il governo siriano. (1)

Anche in Russia le osservazioni sembrano puntare, più che ad un errore dei piloti turchi, ad una vera e propria provocazione della Nato per verificare il sistema di difesa siriano, ma la cosa più sorprendente che, ipoteticamente, potrebbe essere presa in considerazione, è che l’evento sia stato la risposta più marcata delle forze russe  che fino ad ora hanno sempre mantenuto un basso profilo in tutte le attività compiute dai mercenari, dalla Nato e dai signori dell’Arabia Saudita e del Qatar in questi ultimi anni. Tant’è che anche i sempre bene informati amicioni della Nato (Israele) notano con un  certo disappunto, la presenza di nuovi sistema di arma di difesa contraerea consegnati qualche mese fa alle forze siriane per difendere la base navale di Tarus. (2)

Si tratta di un sistema d’arma (Pantsir-1) contraereo capace di un volume di fuoco che ha pochi eguali nelle forze attuali. I siriani per contro non ancora perfettamente addestrati sicuramente hanno sicuramente lasciato agli istruttori russi il compito di abbattere il velivolo turco.(2)

Ci sono da fare alcune considerazioni su questo fatto. La Russia nonostante le diverse provocazioni, come detto, ha sempre reagito in maniera strategicamente passiva, optando per lo più nei rifornimenti dei suoi alleati, (caso diverso quello della Libia, in cui sarebbe da indagare le motivazioni del disinteresse russo in quel fronte che avrebbe comunque garantito la sicurezza della propria presenza nel Mediterraneo). Ora infatti, rimasto l’ultimo alleato in Mediterraneo, la Russia non può permettersi la perdita di una testa di ponte come la Siria, e con quest’espediente la Russia di Putin, osteggiata dai vari neocon e dalle varie rivoluzione colorate, ha posto un veto politicamente molto forte senza scomporre forze navali, squadroni o altre forze come invece fece e sta facendo Nato e Usa. Ha dato la dimostrazione che nella strategia non serve essere grandi, mastodontici e potenti, ma è sufficiente porre dei paletti evidenziando ancora una volta la prepotenza della Nato e soprattutto  la codardia europea.

Redenzione e mimetismo rapace

9 giugno 2012 2 commenti

.

.
Quello che ci tocca leggere in questi giorni è particolarmente rivoltante e vergognoso, soprattutto se a dire certe cose è un rappresentante importante come il presidente della Repubblica Italiana.

In un’intervista Napolitano rievoca il suo passato macchiato di errori e dall’impulso della gioventù

"Il sentiero della mia vita è un processo passato attraverso prove ed errori. Sono partito dagli ideali che in gioventù ho sposato  -  più che per scelta ideologica  -  per impulso morale e sensibilità sociale".

Non possiamo che essere d’accordo nell’affermare che la sensibilità morale e sociale che svolsero i carri armati sovietici quando entrarono a Budapest nei confronti della popolazione magiara fu un atto umanitario e di lodevole democrazia, come adesso l’Italia ha compiuto nei confronti della popolazione libica e nell’omicidio di Gheddafi.

Ma il trasformismo del personaggio supera ogni aspetto quando afferma che

"Innanzitutto fu una tragedia, anche per il Pci, un errore grave e clamoroso del gruppo dirigente, a partire da Togliatti. Poi, anche prima che si ammettesse l’errore, si comprese la lezione: per cui, quando nel 1968 (Togliatti era già deceduto da 4 anni) ebbe luogo l’intervento armato dell’Urss e degli altri paesi del blocco sovietico in Cecoslovacchia, il Pci ufficialmente si schierò contro quell’intervento".

Un errore di Togliatti, lui afferma, una tragedia applaudita e sostenuta da tutti i dirigenti politici dell’epoca compreso lo stesso Napolitano che non afferma, però, il suo distacco da quegli eventi rimanendo nel generico e continuando ad ammettere "…in cui ero membro attivo di un Partito Comunista che non era un partito stalinista come molti altri in quanto aveva una fondamentale matrice antifascista e democratica e comprendeva forti componenti liberali…"

Peccato che l’intervistatore non abbia colto l’essenza del ragionamento e del suo trasformismo opportunistico, peccato anche che non abbia chiesto spiegazione sull’appellativo che Kissinger gli aveva coniato e che gli è rimasto:"my favourite communist".

‘Syria war will turn ME into blood lake’

23 dicembre 2011 Lascia un commento

Le continue manipolazioni della Nato e dell’occidente negli affari interni della Siria, secondo il capo del partito democratico turco Namik Kemal Zeybek, produrranno in medio-oriente un bagno di sangue.

Le ingerenze straniere, nella copertura delle fazioni anti-Assad, stanno attuando i piani di aiuti contro la Siria direttamente con attacchi terroristici dalla Turchia. Questi sforzi non possono avere altro scopo che quello di spingere la Turchia ad un intervento armato contro la Siria.

Tale guerra è però controproducente per gli interessi del popolo islamico, ma favorisce quelli delle potenze straniere che spingono in questo senso. Gli islamici potrebbero accettare una guerra solo a difesa del proprio territorio e solo se legittima.

I turchi quindi non possono scatenare una guerra per proteggere gli interessi di alcuni paesi che sarebbe origine di un disastro umano con la perdita di centinaia di migliaia di vite umane e del quale non si vedrebbe la fine.

Categorie:Guerra, Siria Tag:, , , ,

Gheddafi morto, si apre il vaso di Pandora.

21 ottobre 2011 2 commenti

Il cerchio si sta chiudendo, le ultime pedine sono state posizionate e le attività frenetiche dei servizi e dell’intellighenzia delle diverse potenze internazionali stanno rifinendo le ultime modalità per far cadere l’altro dittatore di Assad per poi passare al vero scenario che si aprirà nel mediterraneo.

In questo prospettiva allucinante – decisa e sostenta dai grandi economisti, strateghi e politici di fama internazionale – le forze messe in campo sono pronte a sferrare e a cercare il vero motivo per provocare e spingere la grande Repubblica Islamica dell’Iran nelle mani dei suoi carnefici: Usa ed Israele.

Nel frattempo, mentre le bestia infernale si lecca le fauci dal pasto infernale del sangue di Gheddafi, le nuove teste di ponte anglosassoni e francesi puntano ai capisaldi della ricchezza interna libica fomentando e innescando una battaglia tra poveri e prezzolati al soldo di un barile di petrolio o di qualche lingotto d’oro, poveri illusi.

Tutto l’occidente – quello che ha combattuto una guerra preventiva, una guerra per difendere la popolazione – esulta di fronte all’efferatezza del massacro, del vilipendio che ricorda quanto accadde all’epoca della seconda guerra mondiale con Mussolini. E’ il totem, il simulacro talmudico, l’offesa peggiore che un branco di pecorai zoticoni, incolti, guidati da un ladro, stupratore, saccheggiatore, pedofilo di Mosè compì a suo tempo di solito usa nei riguardi dei goym. E’ la punizione per il ribelle che ha osato imporre un’idea diversa di stato e nazione  che ha cercato di dare un volto nuovo alla Libia.

Ma per fortuna che non tutto il mondo editoriale è soccombente all’idea massacratrice che ormai pervade l’umanità giudaicizzata.

Da La Stampa di Massimo Gramellini

Non c’è mai nulla di glorioso nell’esecuzione di un tiranno. La vendetta resta una pulsione orribile anche quando si gonfia di ragioni. Ci vogliono Sofocle e Shakespeare, non gli scatti sfocati di un telefonino, per sublimarla in catarsi. Gli sputi, i calci e gli oltraggi a una vittima inerme – sia essa Gesù o Gheddafi – degradano chi li compie a un rango subumano.

Dal governo del baciamano ci si sarebbe aspettati qualche parola di pietà nei confronti del vecchio sodale tramutato in un cencio sporco di sangue. Invece è toccato leggere le parole del ministro degli Esteri Frattini, che appena tre anni fa chiamava Gheddafi «un grande alleato dell’Italia» e adesso definisce la sua barbara fine «una grande vittoria del popolo libico». Davvero «grande» anche lui, il signor ministro con delega alla coerenza e alla sensibilità. La Russa non poteva essergli da meno e infatti non lo è stato. Ha detto: «Dobbiamo gioire». Per la nuova Libia, immagino. Ma con che razza di cuore si può abbinare un verbo di festa alle immagini di un corpo trascinato sull’asfalto? Ho vanamente cercato parole simili nelle dichiarazioni dei ministri francesi, tedeschi, americani. Forse i nostri sono solo più ruspanti: parlano prima di pensare, o anche senza pensare, né prima né dopo. Al confronto giganteggia persino il filosofo di Palazzo Chigi ed ex amicone del rais. Il suo «Sic transit gloria mundi» sulla volubilità della condizione umana (Gloria Mundi non è il nome di una ragazza) sembra voler dar voce, se non a un presentimento, a un tormento interiore.

U.N. MEMBER STATES MUST DEMAND INVESTIGATIONS AND ACTION AGAINST NATO WAR CRIMES

15 ottobre 2011 2 commenti

U.N. MEMBER STATES MUST DEMAND INVESTIGATIONS AND ACTION AGAINST NATO WAR CRIMES.

If the US used the Nuremberg principles to charge Germany for “starting an unprovoked war” shouldn’t the US be charged on similar grounds?

With only 28 nations making up the NATO alliance, the UN has 53 African member nations and 48 Middle-East and Asian nations and 12 nations in South America. It is opportune for these non-NATO members to make a voice within the UN and demand that NATO be investigated for all of its war crimes and be charged for every war crime committed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: