Archivio

Archive for the ‘NWO’ Category

Putin in Italia.

26 novembre 2013 Lascia un commento
lussuria

L’immagine affidabile dell’Italia che protesta…

.

Nel silenzio più abissale, inopportuno, la visita di Putin in Italia appare come quella di un semplice capo di un paese insignificante.

Oggi Putin è a Trieste e la presenza in questa città è degna di nota e va al di là della mera speculazione politica degradante che i nostri portaborse della politica non esistano a fare.

La Russia è il paese più vasto del mondo, il più ricco di materie prime e di risorse energetiche, con un’industria che assieme a quella Cinese e Tedesca rappresentano il 70% della produzione mondiale e, sopratutto, è un paese legato alla tradizione europea, alla cultura europea che, contrariamente ai disfattisti di La Repubblica e del Corriere della Sera, è strettamente legato ai valori umani della tradizione cristiana. Non si compia l’errore di confondere la tradizione cristiana russa con la chiesa o con i poteri sotterranei del Vaticano, ma si faccia mente locale sui valori cristiani quali eredi della tradizione romana, quella che tuttora viene studiata e scimmiescamente copiata da altri stati del mondo.

E mentre in Italia vengono cancellate tutti i punti fermi di questa cultura: abolizione del latino nelle scuole, messa in italiano e rivolta ai fedeli, apertura agli abortisti, al matrimonio omosessuale, all’adozione dei bimbi per le coppie omosessuali, lì, nella Russia cristiano ortodossa, i punti fermi imperano convivendo, anche aspramente, con le altre culture e religioni.

E’ questo il caso che nella città di Trieste si siano accese manifestazioni contro la visita di questo statista, di un sempliciotto di un paese insignificante, che con poche parole e con la forza del fare, senza troppi proclami, ha trovato la soluzione sul conflitto Siriano salvando Obama da un vicolo cieco, e mettendo in condizione l’Iran a trattare al pari delle altre potenze sulla questione nucleare: cose mai accadute negli ultimi 30 anni!!

E’ un piccolo uomo, sbiadito nel colore, di un piccolo paese che quattro personaggi delle varie associazioni della LGBT (Lesbian-Gay-Bisessual-Transgeder), alimentati dalla cultura nichilista delle varie accomandite massoniche internazionali, stanno dileggiando in quella bellissima città sostenendo diritti ed ostacolando rapporti di scambio economico e commerciale primari e vitali per l’Italia. Il nostro futuro, oltre che il mediterraneo è l’Est europeo, ma questo non è ancora compreso da Bruxell e tanto meno dai nostri politici del momento che credono ancora ai legami di grembiule di mamma Usa e nonna Albione.

I successi russi nel campo diplomatico sono il fuoco centrale di una politica internazionale delle altre nazioni volta tutta al disfacimento globale. Putin nella sua piccola figura è l’emblema unico nel mondo “che gioca secondo le regole. Quelle stabilite dal sistema internazionale di Westfalia centrato sulla sovranità degli Stati, e consolidate dai modelli geopolitici dei secoli passati”.

Annunci

Schizofrenia Agricola

24 novembre 2013 Lascia un commento

OGM

.

Il cibo è elemento essenziale per la vita senza il quale l’uomo non potrebbe esistere e la sua produzione, nei secoli fino ad oggi, ha seguito il ritmo ed il tempo necessario al fine di permetterne all’uomo il suo utilizzo. In questi ultimi decenni le campagne in tutta Europa e nei extra europei paesi cosiddetti civili, si sono spopolate lasciando spazio alle manovre dei grandi produttori che un tempo erano i latifondisti, mentre oggi sono le industrie del settore chimico-agro-alimentare.

Il punto focale dell’industria chimico-agro-alimentare è il costo di produzione che deve essere necessariamente il più basso possibile per un maggior profitto. L’industria stessa ha pertanto realizzato metodi e mezzi per poterci arrivare, e uno di questi è la manipolazione genetica delle piante per alimentazione umana ed animale.

L’Europa nonostante le prese di posizione di alcuni stati membri, ma facendo parte dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO), ha dovuto accettare la denuncia dei maggior produttori mondiali di OGM (Usa, Canada e Argentina) per il mancato rispetto delle regole del trattato, obbligando l’Europa e dimostrare la dannosità dell’utilizzo dei prodotti OGM. Vengono quindi emanati due regolamenti 1829/2003 e 1830/2003 per la definizione ed etichettatura dei prodotti OGM e la direttiva 2001/18/EC basato sul principio di precauzione (L’assenza di Prove non è prova di assenza).

L’Italia in questi ultimi anni si è sempre schierata contro l’impiego dei prodotti OGM, ma essendo parte dell’Europa ha dovuto recepire i suoi regolamenti e direttive, anche contro la volontà “politica” di alcuni Governi passati (D’Amato, Alemanno, Pecoraro). Sostanzialmente dal 1998 ad oggi molti prodotti OGM, data la confusionaria normativa italiana sul problema,  sono entrati e finiti sulle tavole degli italiani senza che vi fosse una tracciabilità. L’80% dell’alimentazione animale è costituita da soia OGM proveniente dall’Argentina/Usa e Canada, da scollettature della barbabietola OGM e del Mais OGM senza che nessun organismo avvisasse il consumatore della presenza di organismi geneticamente modificati. Il consumatore è avvisato!

Recentemente l’Italia, il 06.11.2013, ha recepito le direttive europee per gli OGM “Decisioni di esecuzione della Commissione che autorizzano l’immissione in commercio di prodotti contenenti granturco GM e di polline prodotto a partire da granoturco GM” per un periodo di 10 anni concedendo alle compagnie richiedenti (Dow AgroSciences e Monsanto Europe) per l’immissione in commercio di prodotti per gli stessi usi di tutti gli altri tipi di granturco, ad eccezione della coltivazione (solo per due anni).

Adesso sapete che buona parte dei fiocchi di mais, delle barrette croccanti, dei biscotti, delle farine saranno OGM e non chiedetevi, nel tempo, se qualche misteriosa malattia colpirà un vostro familiare, perché dobbiamo accettare senza che nessuna interpellanza parlamentare o meglio ancora referendaria se vogliamo che altre nazioni introducano sulle nostre tavole veleni e porcherie di cui non si conoscono gli effetti sulla salute umana.
Ricordiamoci il “principio di precauzione”: L’assenza di prove non è prova di assenza.

Strani contrasti

25 luglio 2013 Lascia un commento

L’amante della vita!

.

A volte evidenziare alcune contrasti mette in risalto l’asprezza e la sfrontatezza di alcuni ministri del nostro governo di “larghe intese”.

In una nota di qualche giorno fa la Bonino affermava “Non ci sono le condizioni giuridiche affinché l’Italia possa accogliere la richiesta di asilo di Snowden – ha spiegato Bonino. Il ministro ha poi aggiunto che la richiesta “non è accoglibile neanche sul piano politico.”

In un articolo del 22 luglio la stessa ministro affermava “Valutiamo espulsione dell’ambasciatore kazako”.

Quello che stride in tutto questo mestare della Bonino, che è bene ricordare è figlia della Trilaterale e del Gruppo Bilderberg oltre che  sostenitrice dell’occupazione sionista nella Cisgiordania e nella striscia di Gaza, è una politica appoggiata al gruppo atlantico (Usa e Inghilterra) e per nulla occupata agli interessi italiani. Forse sarebbe da ricordare alla Bonino che le attività umanitarie non spettano a lei e tanto meno quello degli Interni, e nella sua posizione ella deve difendere gli interessi della nazione che lei “dovrebbe” rappresentare e non il contrario.  Si profilano quindi imputazioni di alto tradimento che in un paese serio sarebbero comminate con l’espulsione da tutte le attività pubbliche e condanna all’ergastolo ai lavori forzati.

La suddetta non tiene conto delle attività che le nostre aziende hanno in Kazakistan, non tiene conto degli investimenti miliardari dei nostri soldi che le aziende come Eni stanno facendo in quel paese, preferisce gettare tutto alle ortiche per diffamare un paese per la difesa di un biscazziere favorendo quindi la disintegrazione dei rapporti economici finanziari italiani con il Kazakistan .

Nessuno dell’attuale governo sembra contrariare la Bonino, la coalizione delle grandi intese significa anche questo: fallimento su tutti i fronti.

Schiavitù o zelante lavoratore?

30 maggio 2013 3 commenti

retevolante .

In un’epoca come quella attuale, dove il lavoro è diventato un bene prezioso, circola in molti l’idea che essere impiegati in un’attività sia il primo gradino della propria indipendenza e il primo mattone che permetta di costruirsi una famiglia. In epoche molto lontane il lavoro come lo intendiamo oggi non esisteva, si era solamente cacciatori-raccoglitori e tutto era condito da una vita breve e piena di pericoli. I più deboli morivano e i più forti avevano qualche possibilità, ma dovevano rischiare giorno dopo giorno contro le belve, i pericoli dei parassiti, degli insetti e dei fortuiti incidenti, delle malattie e non avevano nessun rimedio se non quello di alcune cure “magiche”.

Successivamente l’uomo scoprì la possibilità che si poteva coltivare ed allevare gli animali, realizzando quindi un profondo cambiamento nello stile di vita: la sedentarietà. Il villaggio e i piccoli gruppi di individui, iniziarono a costituire con il passare dei secoli, il punto focale di nuove società. La promiscuità necessaria, l’uso della coltivazione dei primi cereali e la coabitazione forzata con gli animali creò però l’insorgere delle malattie trasmettibili all’uomo. Un vero disastro sociale, poiché sconosciute e delle quali non esistevano metodi e soluzioni se non migrare in altri siti, ritenuti, più sani. Nascevano le regole sociali, le basi di un mondo che ci avrebbe portato in quello attuale.

Durante l’epoca di Roma e prima ancora anche nella democratica Grecia e nella terra di Sion la schiavitù era una regola comune che i vinti subivano. Purtroppo non si conosce quando abbia avuto inizio l’uso degli umani per gli umani.

La schiavitù permetteva la realizzazione di opere pubbliche e private quasi gratuitamente (non è vero), ma nell’uso comune e nell’ignoranza comune si credeva che lo fosse.
In tempi moderni la schiavitù è stata un grande affare per alcune nazioni (Svezia, Norvegia, Inghilterra, Olanda, Danimarca) che ne hanno tratto un enorme beneficio. L’Inghilterra inoltre, nota come esempio di democrazia occidentale, usava gli irlandesi come bassa schiavitù, nel senso che questi avevano un valore più basso degli schiavi africani o delle indie. Il pasto, per questi irlandesi spesso era la carne dei loro stessi connazionali e le bassezze inglesi sono spesso celate, o mascherate da motivi religiosi anziché predatori e pirateschi alla pari delle efferatezze dei salafiti in Siria o in Libia. E’ emblematico che in moltissimi filmati si parli spesso degli irlandesi come una razza bastarda. Si provi quindi a pensare da cosa nasce l’odio irlandese, ormai sopito dalla droga, dall’alcol e dal globalismo, durante i giorni di Belfast.

Dicevamo che gli schiavi sono gratuiti, ma non è vero. Ai tempi di Roma, ma anche nella prima parte del 1000, la schiavitù era abbastanza diffusa anche in Italia e tutte le scorrerie barbariche seppero sfruttare quanto era in uso e comune all’epoca: si conquistava un territorio, lo si depredava, si prendevano donne e bambini e si utilizzavano come manovalanza, per uso e consumo. I maschi di buona costituzione finivano spesso nelle fila degli eserciti, soprattutto nelle prime file e chi indietreggiava veniva infilzato, senza troppi problemi. E fu così fino all’alba del 1700 e ancora più avanti fino  all’abolizione recente della schiavitù in Usa.
Ma l’abolizione, nel corso della storia, non fu un atto di pietà, Lincoln era anche lui uno schiavista, così come tutta la schiatta che lo adulava, ma aveva bisogno di uomini da portare al fronte, di mostrare un forte segno  politico, insomma un atto demagogico che in pratica mise sulle barricate migliaia di negri per una causa che non c’entrava nulla con la razza, ma bensì con gli interessi economici e finanziari e teologici (ricordiamo che Licoln era un seguace della Pilgrim Society tra i primi fondatori delle enclave che ancora governano gli Usa, tutti indistintamente sionisti).
Con il passare degli anni però si osservò che lo schiavo (sia donna che uomo) per le famiglie che li detenevano, aveva un costo altissimo che non poteva essere più sopportato. A questo, se si aggiungono le innovazioni tecnologiche del 1800 il passo alla liberazione degli schiavi è breve, ma solo per una semplice questione ragionieristica di convenienza dello schiavista: lo schiavo voleva dire mantenimento, casa, malattie, figli. Costi enormi per famiglie che con il passare degli anni si vedevano ridurre il loro potere. Cosa fare? Liberare gli schiavi, tutti e lasciare che si mantengano da soli e in caso di necessità per il lavoro delle aziende assumerli, facendo loro crede alla libertà acquisita che possono gestirsi come vogliono, ma allo stesso tempo controllarli relegandoli in ghetti per evitare il “contagio”.

La quadratura del cerchio era stata trovata ed a costo quasi zero, anzi il guadagno era ancor più aumentato proprio in virtù del fatto che adesso i liberi schiavi potevano gestirsi come volevano: non avevano obblighi nei riguardi di nessuno, potevano mangiare a casa loro, che dovevano pagare; se stavano male dovevano curarsi per conto loro, a pagamento; se avevano figli se li tiravano su loro a spese proprie. Un guadagno assoluto, anzi in questa liberazioni le grandi nazioni e le compagnie degli schiavi si trasformavano in banche, assicurazioni, aziende farmaceutiche, e i grandi latifondisti si rinnovavano producendo più cibo per le nuove bocche da sfamare. la catena produttiva era arrivata alla sua completezza: lo schiavo frustato non esisteva più, sulla carta, e il suo posto era stato preso da salariati, stipendiati. Tutti concorrevano alla produzione di ciò che tutti consumavano, un guadagno insperato, ma sicuro.

Venendo ai tempi nostri , la stessa cosa accadde anche da noi in Italia. E più recentemente con il lavoro alle donne: manodopera a costo bassissimo veicolato da messaggi profondamente ingannevoli: libere donne, il sesso è libero, fate quello che volete, fine della patria potestà, o con messaggi tipo “l’utero è mio e lo gestisco io” oppure come altre frasi del tipo “oggi in piazza ad abortire, domani in piazza con il fucile” tutte cose che la Bonino, per esempio, conosce bene. La donna, sacro altare del nostro futuro, è stata usata, manipolata e violentata due volte, sul lavoro e sulla moralità del futuro di una popolazione.

La schiavitù, si pensa non esiste più. Abbiamo alzato la testa troppo violentemente (meglio si potrebbe dire che ci hanno permesso di alzare la testa) e le classi schiaviste, quelle di sempre, non tollerano che questi schiavi abbiano anche l’ardire di porre delle condizioni, no! Tutte le battaglie fatte e combattute sono state vanificate dai contratti a cottimo, a progetto, dalle partite Iva, dal tempo determinato. Il futuro per una giovane coppia è diventato talmente incerto che è più facile guadagnare la giornata con il gioco delle tre carte che con il lavoro che manca. Ma cosa è accaduto in questi ultimi 20 anni che siamo arrivati a questo disastro? Le cause sono molteplici, vi racconteranno i grandi economisti, i grandi pensatori, gli imbonitori ed i piazzisti del giornalismo prezzolato; loro sono a libro paga di chi gestisce questo disastro e non possono uscire dagli schemi. In realtà il problema, dal mio punto di vista è molto più semplice di quel che si voglia far credere.

Le grandi classi imprenditoriali e bancarie non sono milioni di persone, ma qualche migliaio, esse gestiscono i flussi economici e finanziari del pianeta spostando merci, denaro e soprattutto capitale umano. Negli ultimi anni, dall’ingresso nel World Trade Organisation (WTO) della Cina (11.12.2001) e dell’India (01.01.1995) i paradigmi sociali, economici e politici ai quali eravamo abituati hanno subito una variazione. La Cina e l’India  con il loro 2,7 miliardi di persone, rappresentano, per quella famosa classe di schiavisti sopracitati, un serbatoio enorme di forza lavoro a costo quasi zero. In India i morti recenti del Bangladesh che lavoravano per molte aziende italiane, avevano un salario di 20 dollari al mese (0,66 cents/giorno). Quanti italiani vivrebbero con una cifra del genere? Eppure lì ce la fanno e se ce la fanno a vivere riusciranno anche a produrre, magari per mezza ciotola di riso in più.

Appare quindi evidente che il mercante non ci pensi due volte a spostare tutte le sue attività in luoghi dove il costo della manodopera ha un valore insignificante nel bilancio industriale e così, lentamente nel corso dei 20 anni, i grandi industriali, i grandi banchieri, le multinazionali spingono e sostengono nelle politiche sociali, economiche, industriali e finanziarie dei paesi europei/occidentali quegli uomini che siano i loro portavoce; creano con l’aiuto dei politici da loro eletti, tutta la normativa idonea a staccare la spina del benessere così come fino ad ora l’avevamo conosciuto; i sindacati che, all’apparenza sembravano lavorare per i nostri diritti, ora tacciono, non organizzano più oceaniche manifestazioni, barricate, picchetti davanti a quelle aziende che sono state dislocate: anche loro sono a libro paga degli schiavisti e quanto meno rientrano in quella struttura che ne preveda l’assenza dal campo di battaglia. Il caso eclatante, anche se molto complesso, è il prossimo fallimento dell’Ilva: silenzio assordante delle varie sigle sindacali, ma molto fragore in quelle correnti “new age” che paventano la morte totale di una provincia per dei mali ai quali nessuno prima di adesso aveva mai protestato: è più importante la vita o il mantenimento alla vita e a che prezzo. Da un lato il licenziamento di 40 mila persone, dall’altro la salute che viene minata dalle connivenze dello Stato e della Regione Puglia che in tutti questi anni non hanno mai verificato, mai denunciato.

Ma nel frattempo è necessario preparare il terreno affinché la massa non sia cosciente del baratro sulla quale la si vuol gettare, è utile dare “un colpo al cerchio ed uno alla botte”. Si va dalla politica, al commercio, all’industria, al sociale, alla sanità e all’impiego pubblico. Tutti ricevono un pezzetto di questa torta, poco per volta e via via sempre di meno finché un giorno non ci sarà più, nel frattempo ci saremo abituati a mangiare sempre meno fino al punto che un giorno mangeremo ed un altro no, ma non ce ne accorgeremo se non nel momento in cui i nostri figli non saranno più capaci di sopravvivere alla denutrizione. Verranno quindi attuate tutte quelle politiche da paese del terzo mondo in cui corruzione e malversazione sarà la legge dominante e i lavoratori si adatteranno a produrre a prezzi come gli indiani o i cinesi di adesso. Non ci sarà il tempo per le proteste e nemmeno per gli scioperi, che saranno vietati e tanto meno ci saranno tutte le possibili alternative di aiuto sociale che fino ad ora, per poco, abbiamo; bisognerà pensare a sfamare i figli, a guarire dalle malattie e quei pochi che ce la faranno non avranno nemmeno il tempo per chiedersi cosa stiano facendo e per chi lavorano.

Il dogma assillante è riportare la fiumana umana nel giusto alveo che si merita.
E così accade, si spostano le produzioni in altri luoghi più economici e si mette alla fame chi prima aveva raggiunto un certo livello di benessere, ma fra qualche anno sarà così anche per quelli che adesso stanno iniziando a stare bene e il pendolo si sposterà ancora una volta in quelle popolazioni, noi, che, alla fame, accetteranno qualsiasi cosa pur di mangiare. La Fiat dopo 5 anni di lavori incessanti in Serbia, l’anno scorso è partita con la produzione di auto, ma già adesso iniziano i contraccolpi e gli operai protestano per le paghe da fame che stanno ricevendo danneggiando alcune auto (500L). Cosa farà al Fiat per ora è sconosciuto, ma certamente, come altri, tra un po’ di tempo sposterà la produzione in altri stati dove la fame e il bisogno di sussistenza sarà tale da accettare anche una paga insignificante.

A volte è bene rileggere il discorso dello schiavo, forse, a forza di ripeterlo qualcuno se ne rende conto di come stanno andando le cose:

Uno degli aspetti più micidiale dell’attuale cultura è di far credere che sia l’unica cultura, invece è semplicemente la peggiore. Gli esempi sono nel cuore di ognuno, per esempio il fatto che la gente vada a lavorare sei giorni alla settimana è la cosa più pezzente che si possa immaginare. Come si fa a rubare la vita agli esseri umani in cambio del cibo, del letto, della macchinetta. Mentre fino a ieri credevo che mi avessero fatto un piacere a darmi un lavoro, da oggi penso: “Pensa a questi bastardi che mi stanno rubando l’unica vita che ho, perché non ne avrò un’altra, ho solo questa, e loro mi fanno andare a lavorare cinque volte, sei giorni alla settimana e mi lasciano un miserabile giorno per fare cosa? come si fa in un giorno a costruire la vita?“.

Allora, intanto uno non deve mettere i fiorellini alla finestra della cella della quale è prigioniero, perché sennò anche se un giorno la porta sarà aperta lui non vorrà uscire.

….Il vero schiavo difende il padrone, mica lo combatte. Perché lo schiavo non è tanto quello che ha la catena al piede quanto quello che non è più capace di immaginarsi la libertà.

Morto ad Atene per la troppa ricchezza e libertà delle classi meno abbienti

18 ottobre 2012 Lascia un commento

E’ notizia di poche ore fa, in Grecia a causa delle limitazioni economiche e delle strategie della classe dirigente politico-finaziaria che sta spremendo il popolo greco fino a togliergli l’ultima goccia di sangue ad Atene ci sono state manifestazioni con relativo morto. Questo sono le radici sulle quali si base il Nobel dato all’Europa per la stabilità, il benessere e la pace che regna sovrana.

Italiani, non italiani!

14 ottobre 2012 Lascia un commento

Se noi italiani vogliamo essere veramente fieri del nome che portiamo dobbiamo crescere rinunciando alla nostra sovranità permettendo quindi che un  gruppo di lazzaroni farabutti sia padrone in casa nostra.

Questa in sintesi la chiamata alle armi del massone di Napoletame, chiedo venia, Napolitano. Quel vecchio traditore che allo scorrere del sangue ad opera dei sovietici reclamava che la libertà e la democrazia si faceva strada; quello che gioiva al massacro del popolo libico a favore degli interessi francesi inglesi e americani; quello moralizzante contro gli sperperi del denaro pubblico quando il stesso ufficio spende 225 milioni all’anno contro i 31 milioni della regina d’Inghilterra.

Questa Italia gestita da personaggi simili potrà mai avere un barlume di onestà, di rispetto di tutte le genti che la abita?

Categorie:Massoneria, NWO

A quando l’ordinato caos?

3 ottobre 2012 Lascia un commento

683943main_eruption-zoom .

Credo che il NWO si stia muovendo secondo un programma a noi sconosciuto, ma che lascia spazio per far filtrare una luce diversa dal suo effettivo colore. Anche il cialtrone del quirinale ne ebbe occasione di parlare, così come l’altro suo discepolo tecnocrate.

Quello che molti si chiedono è quando accadrà?
E’ di dominio pubblico la notizia, che circola da qualche anno, ma che adesso pare messa a tacere, che entro a la fine dell’anno o primi mesi del prossimo possa esserci una forte attività solare e, a causa di questa, delle esplosioni solari intense che bombarderebbero la terra azzerando di fatto tutte le attività elettriche umane. Un ritorno al medioevo e all’oscurità. La notizia è rilevabile nel sito di La Repubblica.

Già nel 1859 ci fu esperienza di questo evento, ma allora non essendo l’uomo schiavo della energia elettrica non ne soffrì in modo particolare. Cosa succederebbe se veramente accadesse questo fenomeno “solare”? Il caos più totale con la conseguente morte di qualche miliardo di persone, soprattutto quelli più deboli. Pensiamo agli ospedali, alle strutture mediche salvavita, pensiamo ai dializzati, a quelli mantenuti in vita da un polmone d’acciaio e pensiamo anche agli anziani che non troverebbero nulla per poter sopravvivere; molte aziende chiuderebbero i battenti lasciando sulla strada milioni di persone. Una vera carneficina. I soli che forse avrebbero qualche possibilità di scampo da questi eventi sarebbero chi è continuamente abituato a sopravvivere senza energia e a sostenere la sua alimentazione con i sistemi tradizionali della caccia. Ma quanti in occidente sarebbero in grado di farlo? Credo pochissimi che comunque sarebbero in guerra tra di loro per il cibo, la legna, l’acqua, un riparo.

Le macchine non servirebbero più, così che avremo inondazioni copiose con allagamenti di campagne e la conseguente scarsità di derrate alimentari. I fiumi non più controllati dall’attività umana avrebbero il sopravvento sui centri attraversati distruggendo ogni cosa al loro passaggio; le case, attualmente riscaldate da impianti a gas o a petrolio, in mancanza di energia elettrica non potrebbero ripararci dai freddi invernali che decimerebbero a loro volta altre milioni di persone. Una tragedia immane. Ci sarebbe la riscoperta dell’energia a vapore, ma con quali tempi?

Questo potrebbe accadere e i tecnici prevedono che in caso di interruzione dell’energia elettrica per ripristinarla ci potrebbero volere dai pochi mesi fino a 3 o più anni a seconda del complesso da riparare e della gravità del danno.

Qui si inserisce il NWO.

  • Quello che salta subito all’occhio è la mancanza di documentazione che comprovi che nel 1859 ci fu veramente una tempesta geomagnetica. Allora non c’erano sistemi di misura che possiamo avere oggi e nessuno è in grado di dirci se fosse effettivamente catastrofica e quanti lo affermano dovrebbero dimostrare come sono riusciti a capire una cosa del genere del passato.
  • Le notizie, tutte, sono controllate e manipolate ad arte. I principali giornali sono posseduti dalle grandi lobbies finanziarie e bancarie e appare strano che con tutti gli interessi ipermiliardari che questi hanno pensino che ci sarà “un qualche cosa” che azzererà i loro profitti e soprattutto il loro potere di controllo.
  • Dal 11 settembre 2001 le attività di guerra e di attacco al mondo islamico si sono intensificate in maniera esponenziale proprio attorno alla fascia più sensibile del mondo arabo: medioriente e oriente, circondando di fatto le nazioni che possono ostacolare la crescita e la potenza degli Stati Uniti: Cina e Russia.
  • La situazione economica e finanziaria è arrivata allo stremo delle sue possibilità, siamo ad un livello tale che nessuna banca e istituto finanziario è in grado di ripianare i propri debiti fatti con i derivati. Pur irrorando il mercato di liquidità (Q1,Q2 e Q3 per gli Usa oltre ai 1000 miliardi dati dalla BCE alle varie banche europee) non c’è nessuna via d’uscita che possa definirsi indolore. Le economie europee, Norvegia per ora a parte e forse anche Germania,  nel loro abbrivio finanziario si stanno incagliando in un disastro senza precedenti che se dovesse accadere porterebbe al fallimento generalizzato delle intere economie mondiali.
  • Quale soluzione scegliere in questo Chaos per riportare l’Ordo tanto agognato?
  • L’1% della della popolazione detiene l’80% della ricchezza mondiale: questo dovrebbe far riflettere e come potrebbero arginare i continui salassi finanziari questo esiguo numero di persone che controllano il nostro pianeta? Cosa faremo noi al posto loro?

Chi ha il potere in mano, chi usa le armi per conquistare fette mercato, miniere, risorse idriche ed alimentari, chi è insensibile ai milioni di morti che ogni anno vengono calcolati per malattie, povertà, inadeguatezza economica non è certamente preoccupato se questi morti lasceranno spazio vitale a “certi” altri.

In ultima analisi cosa potremmo supporre, avendo il potere di attuare un evento che metta al riparo ed istituisca un nuovo sistema sociale, politico ed economico.

  • Si inizierebbe ad informare il pianeta di possibili eventi catastrofici (comete che potrebbero cadere, asteroidi impazziti, tempeste solari, esplosioni spaziali, ) e nessuno potrebbe obbiettarne la veridicità quando le conferme di queste notizie venissero da enti rinomati coma la Nasa, o l’Esa (Ente spaziale europeo) 683943main_eruption-zoom o altri collegati alla rete di osservazioni spaziali, arricchendo le notizie anche con produzione cinematografiche spettacolari di forte impatto emozionale, testi di divulgazione scientifica;
  • Allo stesso tempo si inizierebbero a divulgare storie del passato impossibili da verificare, con testi e interpretazioni degli scritti degli antichi maya, degli egizi, degli inca o di popolazioni scomparse che non hanno lasciato nessun documento, ma che i bravi scienziati hanno saputo decifrare alcune pietre trovate nei siti archeologici (la profezia dei maya) correlando queste divulgazioni con trasmissioni televisive atte a creare quel senso di mistero e di timore per una cosa della quale nessuno è in grado di capire
  • Nel frattempo i potenti provvederebbero quindi a realizzare strutture atte a raccogliere le popolazioni disastrate (quindi controllabili) da questi eventi (riutilizzo dei rifugi anti-atomici – costruzione di silos per la conservazione delle specie vegetali ed animali – costruzione di campi per la difesa delle popolazioni come piccoli paesi provvisti di tutto il necessario  per la sopravvivenza, compresi forni crematori!!)
  • Si istituirebbero delle strutture di controllo di polizia con poteri sovranazionali come l’americana FEMA e l’ Homeland Security che ultimamente ha realizzato un programma per simulare una guerra totale o come l’europea EUROGENDFOR
  • Si emanerebbero leggi sempre più restrittive e di controllo: NDAA (National Defens Athorization Act.) –  Patriot Act. – Norme in materia di poteri speciali nei settori della difesa e della sicurezza nazionale, nonché per le attività di rilevanza strategica nei settori dell’energia, dei trasporti e delle comunicazioni (legge 11 maggio 2012 N. 56 nessun giornale ne ha mai parlato!!), tutte norme che sono state ratificate dal parlamento europeo.
  • A questo punto manca la scintilla che inneschi la bomba, ma le basi per farlo sono state già messe. Sarà sufficiente, per esempio, fare dei test sui quali verificare la risposta delle persone per capire come correggere eventuali errori o dimenticanze. Nel mondo ci sono molti esempi, così come in Italia: 2003 per oltre 12 ore mezza Italia rimane al buio a causa di un albero caduto sulla linea elettrica tra Svizzera ed Italia (è credibile una giustificazione del genere??) – In Cile nel 2011 oltre 10 milioni di persone rimangono senza energia – in Usa (Maryland, Ohio, Virginia West Virginia) sono rimaste al buio – a NYC per un giorno e mezzo l’intera Long Island è rimasta senza corrente elettrica a causa di alcuni alberi caduti sulle linee elettriche (sempre la solita giustificazione!!). Ci dovrebbero spiegare come sia possibile che per qualche vento a 120 km/ora cada l’energia elettrica, mentre a Trieste con la bora a 120/140 km/ora che soffia tutti gli anni la corrente non manca mai.
  • Anche in Italia le basi di controllo sono già preparate e molte di queste non sono di dominio statale ma controllate dalla Nato (113 in tutta la nostra penisola).
  • Tutto è quindi pronto e in attesa del via finale si acuiranno le tensioni sociali, le disparità tra le classi sociale, le vessazioni impositive della pubblica amministrazione, i controlli sulle attività economiche e sociali e tutto ciò per rendere il popolo sempre più controllabile fino all’esasperazione. Improvvisamente, un giorno X del mese Y, in quasi tutta la parte occidentale del globo, inizieranno ad avvenire eventi che impediranno molte attività, anche le più banali come fare benzina con la carta di credito o ritirare i soldi dal bancomat. Le attività commerciali ed industriali inizieranno a subire dei rallentamenti con perdite di produzione e conseguente licenziamento del personale che non sarà però in grado di comunicare con le associazioni di categoria. Manca la corrente elettrica, non c’è energia. Si potranno costituire dei gruppi locali per capire cosa accada, ma le comunicazioni non saranno possibili e i controlli sulle stesse impediranno di agire in maniera coordinata. Nel frattempo le autorità avranno già dispiegato sul territorio le squadre di controllo che arresteranno tutte quelle persone che, incredule di un fatto del genere inizieranno a protestare. La popolazione per contro sarà favorevole a questi arresti perché più impellente la sopravvivenza, il cibo, le medicine, le cure che non quattro scalmanati increduli che urlano ai 4 venti che è tutta una manipolazione.

Così si attuerà la nuova era, il nuovo secolo, il nuovo ordine mondiale tanto agognato e cercato dalle élite, quel famoso 1% che controlla l’80%. Certo è una ipotesi molto pessimistica e molto brutta da pensare, ma quello che ci porta a pensare un evento del genere sono le attuali situazioni economico finanziarie del pianeta su cui si basa ormai l’intera economia mondiale: un debito assurdo di 1.200 trilioni di dollari (20 volte il PIL mondiale). Sulla base di questo e per il mantenimento dello status quo dei vari attori che l’hanno generato (banche centrali, banche d’affari e istituti finanziari) è necessario un provvedimento che sia proporzionale, sul quale gli stessi attori si accordino così che in un solo colpo essi avranno salvato capra e cavoli, rendendo alla popolazione gli escrementi del loro comportamento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: