Archive

Posts Tagged ‘Libia’

Ma la Redazione del “Il Giornale” sa quello che scrive?

24 febbraio 2012 7 commenti

...

Stop all’asse con l’Iran solo così fermeremo la mattanza in Siria

Il titolo è quello di un articolo de “Il Giornale” che pone l’accento sulla sconsiderata opinione sull’Iran che il terrore, il furore ideologico e per ultima la possibilità di dotarsi di armi nucleari,  sono le premesse per una considerazione che va al di là della semplice guerra fredda degli anni passati.

La firma dell’articolo è la redazione, ovvero il pensiero collettivo dell’intero giornale che attraverso questo semplice scritto mostra apertamente la sua posizione atlantista.

L’Iran e con essa la Siria, e prima la Libia, e prima ancora la Palestina, sono espressioni della più malevole idea di soprusi, di massacri, di sangue innocente versato per colpa di un’ideologia islamica che vuole imporsi con la forza e con il sangue.  Non risulta però che Iran e  Siria abbiamo abbiano invaso altri territori né in nome della democrazia né in nome di un becero islamismo, oppure abbiano razziato, abbiano decimato le popolazioni con massacri al fosforo, così come accadde in Libia al tempo di Gheddafi e prima ancora a Gaza ad opera delle missioni umanitarie sioniste.  Eppure “Il Giornale” scrive che il vero nemico da combattere sono l’Iran e la Siria, perché ” È il cuore di un’alleanza pericolosa che sarebbe bene smantellare una volta per sempre“.

Possiamo supporre anche noi che abbia preso qualche manciata di dollari dal sultano del Qatar, Al-Thani (il ciccione, come affettuosamente lo chiamava Gheddafi)?  Visto la sua munificenza nel donare denaro, questo personaggio da anni ospita attivisti islamici in esilio e sostiene Hamas, i salafiti, i fratelli musulmani (espressione israeliana islamica) e persino i talebani ai quali sta aprendo addirittura un’ambasciata in Qatar. Ha contribuito con diverse milioni di dollari per l’Egitto post primavera, è padrone della TV Al-Jazera (che inizialmente era espressione franco-israeliana dei fratelli David e Jean Frydman). Il Qatar è anche benevolo nella instaurazione di un potere sunnita estremista e radicale, tanto che nella guerra di Libia mandò a dare manforte alle squadre speciali inglesi, francesi e americani circa 5000 militari delle squadre speciali.

Appare quindi evidente la mercificazione di notizie e di idee fuorvianti che non hanno nessun nesso con  fatti che sono la costruzione di una montatura mediatica, così come appare evidente che difficilmente si critica la linea editoriale e pur di portare a casa una pagnotta – grondante di sangue innocente – si scrivono bestialità.

Libia, Usa, Gas, Italia in netta (s)Concordia

22 gennaio 2012 4 commenti

In questi giorni di fermento gli americani oltre a rinunciare alla mega operazione congiunta con Israele (Austere Challenge 12) lasciando i 9.000 soldati in Israele hanno preferito dirottare alcune migliaia di soldati (12.000) presso uno dei terminal petroliferi più importanti della Libia: Brega.

Il motivo della presenza massiccia di militari Usa, secondo le notizie riportate, sembra sia dovuto per portare la stabilità nella regione e al controllo delle operazioni petrolifere e dei campi petroliferi della zona, i più importanti della Libia. Ma mi chiedo, non si era instaurato un governo di ribelli riconosciuto da tutti i governi lecchini della Nato? Non era successo che quel massone comunista infame di Napolitano aveva accolto a Roma un criminale che aveva massacrato Gheddafi? E con quale faccia l’aveva accolto? Quella stessa che aveva quando stringeva le mani a Gheddafi?
Ma voi, se foste uno della CNT, vi fidereste di un italiano infame-guerrafondaio-voltagabbana e che in futuro vi pugnalerà alle spalle?

Fa specie sapere inoltre che il nostro Monti sia approdato sulle coste libiche per riallacciare i rapporti che erano stati “casualmente” interrotti per un raffreddore dei nostri rapporti internazionali con la Libia di Gheddafi di circa 30 miliardi.
Al seguito del massone di Monti c’era anche il capo dell’Eni (Paolo Scaroni) che per l’occasione ha anche indicato di essere pronto a vendere la quaota di Snam perché ha aggiunto: “ L’importante è che si riesca a vendere nell’interesse degli azionisti“. Chiedo io da ignorante: per gli interessi degli azionisti o per l’interesse degli ‘acquirente della Snam?

Non dimentichiamoci che dalla Libia importavamo un’alta percentuale di gas (11% del consumo giornaliero), proprio con Snam rete gas e questa notizia non fa altro che confermare che il Governo Monti, con i giusti appoggi dei suoi affiliati (Scaroni è uno di questi), cederà un’altra delle nostre perle aziendali a qualche azienda sicuramente NON italiana.

E così, passo dopo passo – oltre a perdere la sovranità nazionale – perderemo anche la possibilità di una indipendenza energetica. E mentre mediaticamente – lo ripeto ancora per i sordi – si focalizzano i problemi di una manovra salva-italia-1 e salva-italia-2 insignificanti, sommergendo la radio, i giornali di notizie false e senza senso dal punto di vista produttivo e di incremento della economia reale anche con l’appoggio della confindustria, nel silenzio e in qualche notizia appena accennata, si porterà allo sconquasso della vera economia italiana, quella fatta dei grandi nomi che l’hanno resa celebre nel mondo.

Tuttavia i tassinari fanno giustamente cagnara per difendere il loro pane quotidiano, ma si troveranno la benzina disponibile nei distributori con nomi diversi e ad un costo 2 volte più alto di quello attuale: in parole povere becchi e bastonati. Questo perché oltre alla Snam la prossima vittima sacrificale sarà l’Eni e Finmeccanica.
E nessuno alza un dito per difendere le nostre aziende. Tutti zitti e magna-magna!

Ecco una delle tante mosse subdole messe in atto dal Governo Monti o se volete essere complottisti, dalla finanza mondialista, poco pubblicizzata e coperta mediaticamente da un incidente di assoluta irrilevanza (Costa Concordia) se non fosse che sono morte alcune persone senza colpa (forse pochi ricordano l’incidente di Vermicino e cosa accadde nella finanza di quel periodo e quante bastonate economiche e finanziarie prese l’Italia in quell’anno). Ma il mercato, come insegnano i guru della finanza, non guarda in faccia nessuno, nemmeno le vite umane, tant’è che quelle sacrificate per la conquista della terra di Libia pare siano oltre 150.000 di cui noi italiani abbiano ancora le mani sporche di sangue e sulle quali non ho mai visto nessuna tavola rotonda, nessuna interrogazione parlamentare e nessun veto da parte di nessuna forza politica.

La propaganda menzognera italiana.

3 gennaio 2012 4 commenti

Molti avranno visto alcune sequenze di un filmato mandato in onda da RaiNews sulle efferatezze dei criminali siriani contro i dimostranti inermi (?) della Siria. Ieri, verso le 20 la stazione digitale terrestre di Rai News ha mandato in onda alcune sequenze delle barbarie di alcuni aguzzini siriani nei confronti dei dimostranti.

L’analisi dei filmati lasciano intravvedere la montatura del montaggio. Persone accovacciate coperte con un maglione riversato dalla pancia alla faccia e prese a fustigate (nel video si parla di bastonate). Nello stesso video si vede poi un’altra persona che si avvicina, anch’essa con il maglione arrotolato sulla faccia e si accovaccia, lentamente, vicino alla prima e “sembra” anch’essa essere presa a fustigate. I colpi inferti sembrano colpire parti del corpo come braccia, spalle, ma non traspare quella brutalità  che  viene descritta dalla voce del narratore. Appare quindi possibile che un video del genere sia una ulteriore prova della manipolazione mediatica e portata dai servizi inglesi (MI6) dal Mossad e dalla Cia, i veri sostenitori delle così dette primavere arabe.

Guarda caso, sullo stesso tema si scoprono poi alcune piccole pillole di saggezza.
L’Osservatorio dei diritti Umani con sede a Londra, è la principale fonte delle notizie che vengono inviate ai media internazionali in coordinamento con le informazioni di ONG Usa direttamente finanziate dal ministro degli esteri britannico William Hague. Con sede a Londra l’Osservatorio siriano per i diritti umani, che è la principale fonte di queste palesi bugie, riceve tutte le sue relazioni telefonicamente e i video da YouTube da dentro la Siria, ma nessuno dei quali è possibile verificare in modo indipendente o ufficialmente l’autenticità, quando invece nei nostri media vengono palesemente presi come veritieri.

Quasi nello stesso momento c’è stato un cambio della guardia presso l’Amnesty International Usa, in cui è stata eletta una diretta assistente della Hillary Clinton e di Richard Holbrooke (un certo tipino finanziatore della associazione UANI), la Signora Suzanne Nossel.
La signora Nossel aveva precedentemente lavorato per Human Rights Watch, così come per Bertelsmann Media Worldwide e per l’amministrazione del Wall Street Journal.
Il Consiglio di Amministrazione di Amnesty International degli Stati Uniti, ritiene che l’impegno di Suzanne Nossel nelle amministrazioni Clinton e Obama sia una garanzia di competenza e non ha tenuto contro dei crimini commessi in Jugoslavia, Afghanistan, Iraq, Libano, ecc.
Nossel è all’origine delle varie campagne contro Iran, Libia e Siria. Negli ultimi mesi, si è illustrata nel disinformare il Consiglio dei Diritti Umani di Ginevra, in modo da fare adottare una delibera del Consiglio di Sicurezza che autorizzava la guerra contro la Libia. Le accuse della signora Nossel sono state smentite da allora.

Appare evidente che in questo marasma mediorientale ogni notizia debba essere presa con le pinze viste la portata dei valori in gioco. Da un lato abbiamo le forze occidentali che stanno facendo di tutto per rovesciare il regime di Assad e conquistare quell’egemonia sul mediterraneo che permette a loro il controllo diretto del lato occidentale sul blocco russo. In parte infatti la disposizione delle pedine sullo scacchiere europeo sono già state sistemate (vedasi la distribuzione delle rampe di lancio proprio a ridosso dei confini russi). Manca quindi ancora il lato sud, quello più prezioso, per ora, e quello anche di difficile controllo. E dall’altro c’è il così detto impero del male, come l’ebbe a definire uno dei più apocalittici deficienti americani del globo Mr. G.W. Jr. Bush, costituito da Siria, Korea, Iran, Russia e Cina, oltre ovviamente alle varie nazioni del Sud-America che non hanno ancora accettato la mondializzazione di stampo statunitense. Cosa posso questi stati di fronte allo strapotere, all’intolleranza, al razzismo, al potere liberticida?

Disastro sanitario libico o premeditazione stile “Piombo Fuso”??

3 settembre 2011 8 commenti

A seguito del commento di una lettrice mi sono spinto a cercare notizie circa la sparizione di 1500 bambini dalla Libia. Al momento non si sa se si tratta di una notizia fasulla o dell’esagerazione mediatica dell’altra notizia che avevo riportato tempo addietro riguardante il sequestro di 105 bimbi da Misurata, in cui si vedevano coinvolte anche alcune navi italiane e che, come sempre accade in Italia, nessun quotidiano o telegiornale ha voluto rivelare.

Si scopre invece che l’umanità della guerra di Libia da parte delle forze belligeranti (Italia, Francia, Inghilterra e le latre della Nato a seguire, senza dimenticare gli Usa) nell’imporre la risoluzione 1973 della no-fly-zone ha  imposto direttamente la dichiarazione di morte di moltissimi bambini ammalati negli ospedali di Tripoli e delle varie città della Libia.

Le uniche autorità sanitarie permesse ad operare, proprio per rispettare l’ordine dell’Onu, erano la Croce Rossa internazionale e Medici Senza Frontiere. La prima deve coprire vastissime aree, mentre MSF sono rimasti in pochi senza sostegno lavorando in una situazione dove manca di tutto: dalle bende, alle medicine di prima necessità, ai vaccini che per i bambini ai primi anni sono vitali.

L’embargo occidentale sta riducendo la Libia a quello che è Gaza, ma in scala maggiore e l’umanità delle operazioni della Nato impedisce che ci sia il rifornimento delle medicine necessarie. Più volte gli addetti sanitari degli ospedali libici hanno fatto richiesto urgente di medicine e vaccini, senza mai però ottenere nessuna risposta.

Questa è la rappresentazione umanitaria che Frattini e l’altro cialtrone di Napolitano continuano a ripeterci, alla quale fa eco l’altro criminale mafioso sionista di Sarkozy che le azioni della Nato devono durare comunque fino alla completa liberazione della Libia ( forse intende attuare un’altra operazione stile Piombo Fuso su suggerimento dei suoi mentori israeliani?). Pare infatti che la Nato prolunghi la sua attività fino alla fine di ottobre o dell’anno in corso e questo la dice lunga sulle operazioni militari che vede il nostro prossimo medio-oriente in totale rivolta. Nel frattempo i vari ribelli della CNT si sono accomodati all’Eliseo accolti dai vari manigoldi europei per avere il denaro necessario, a loro dire, per risollevare l’economia della Libia e sopratutto, dicono, per portare il sostengo sanitario lì dove manca. Hanno anche una faccia di tola che non ci si aspetterebbe, no?

Ma se sono stati loro, con l’aiutino anglo-francese, a buttare il cerino nel pagliaio adesso che si stanno bruciando le dita vogliono anche avere l’acqua per spegnerlo? Io gli passerei una bella tanica di benzina raffinata e che si facciano un bel falò. Però, nelle stanze ovattate dell’Eliseo, il mafioso di Sarkozy ha già ottenuto il 30%, ripeto il TRENTA PER CENTO delle forniture di petrolio dalla Libia. Vorrei ricordare, per chi ancora non lo sapesse, che questa immagine che avevo già postato qui, era la situazione della ripartizione delle forniture del petrolio libico.

E’ bene notare quale era PRIMA la percentuale che andava alla Francia (il 6%) contro il valore che invece l’Italia poteva vantare (38%). Ora, se i numeri dicono sempre la verità, sarei curioso di sapere cosa potrebbe giustificare questo cambiamento di rotta che ci vede minoritari nel rifornimento di petrolio (appena un 10%) contro quanto invece ha siglato la Francia.

Chissà se quel deficiente (dal latino deficere: scarso al bisogno) di Frattini e dell’altro demente senile di Napolitano avranno sottoscritto una assicurazione per pagare la differenza. Purtroppo ad essere beatamente deficienti non sono solo questi due campione di merda italiana, come l’ha definita l’altro stampo da pippe di Berlusconi, ma l’intero sistema Italia. Dalla destra alla sinistra. E noi popolo imbelle e vigliacco che andiamo alle loro manifestazioni li applaudiamo li inneggiamo!!!…ma a valangate di merda dovremmo inneggiarli, a sprangate di stronzi in testa dovremmo applaudirli altro che palle, questa immonda crosta incancrenita che ci gestisce non merita nulla di più.
Chiedo venia per la scurrilità ma quando è troppo è veramente troppo.

Manifestazione di Roma alla Farnesina: silenzio stampa!!!

1 settembre 2011 6 commenti

Siamo arrivati veramente ad uno stadio di servilismo che neppure il più laido dei più perfidi vigliacchi riuscirebbe ad eguagliare.

Il nostro (purtroppo) rappresentante della Farnesina ha affermato che «La Nato ha prorogato la missione militare in Libia fino a fine settembre» e la missione «concluderà i suoi effetti quando si dichiarerà la Libia liberata», aggiungendo che: «Ragioniamo in termini di pochissimi giorni – ha aggiunto il capo della Farnesina – se Sirte cadrà, come io mi auguro, per una resa pacifica entro qualche giorno, cioè entro sabato, sarà il pilastro definitivo della caduta del regime».

Queste le parole di Frattini, il nostro ministro degli esteri che dovrebbe lavorare per gli interessi dell’Italia; questo è il politico che paghiamo profumatamente per permettergli di farci perdere montagne di miliardi a favore della Francia, dell’Inghilterra e degli Usa. Questo uomo è parte del partito degli sfruttatori che Berlusconi ha dovuto accettare, perché imposto dai suoi padroni della sponda opposta del Mediterraneo: Israele.

Frattini, un uomo che, sulla base delle sue dichiarazioni, in un paese serio dovrebbe essere gettato dalla finestra senza troppi complimenti.
Ma in che mani siamo? Che genere di gentaglia abbiamo a Roma e nelle istituzioni che ci rappresenta e ci amministra? Quanti e che qualità di mascalzoni popolano l’agorà della politica italiana che dovrebbero essere presi a calci in culo senza troppi indugi, e noi, popolo di schiavi infami, accettiamo questa crema puzzolente delle fogne solo perché ci assicurano una partita di calcio, oppure perché ci danno in pasto immagini di qualche puttanella da strapazzo? Ma siamo popolo o pecore pronte per il macello?
Per fortuna che alcune agenzie hanno riportato l’evento, mentre tutti i media nazionali hanno avuto la bocca cucita.

Come se non bastasse, siccome la favola della rivolta di popolo ormai ha preso piede anche in quelli che avevano ancora dei dubbi, si legge che il grande centro di spionaggio americano, la CIA, sta reclutando 1500 persone pronte a dare il tutto per tutto. Una sorta di mercenari-liberatori, come accadde nella guerra del Kossovo e di Albania. Gente disposta a massacrare.

Questo fiore di persone, ormai abbruttite dalla guerra decennale in Afghanistan sono stati reclutati per dar man forte alla massa di ladri del CNT. La domanda sorge spontanea, ma come fa la Nato a servirsi di questa gentaglia da forca quando hanno fatto oltre 15.000 missione aree distruggendo il distruttibile? Come è possibile che un paese con un dittatore odiato da tutti – così mostrano alla tv dei ragazzi – abbia bisogno del supporto dei pendagli da forca, collaborazionisti con la Cia (ex Al-Qaeda che adesso diventano utili), per vincere una battaglia che ormai da 6 mesi sta rovinando i piani strategici dei sempre più alcolizzati dei nostri alleati?

La teoria di fondo spinge a far intendere che il servizio di intelligence americano stia spingendo affinché l’intervento di terra venga fatto da queste squadre della morte e successivamente la pulizia finale verrebbe fatta da  quelle speciali del MI5, MI6 e i sempre famosi ed eroici Navy Seal (quelli per intenderci che hanno ammazzato un uomo morto nel dicembre del 2001). Ma a guardare bene la cosa e lo scacchiere mediterraneo, il vero obbiettivo è quello di spingere le forze russe all’infuori del Mare Nostrum, lasciando spazio alle forze navali americane ed israeliane con il supporto delle inglesi e francesi. Ma perché?

La risposta si trova nella disposizione geopolitica che la Siria e la Libia hanno nei riguardi di Israele oltre al fatto che la presenza russa presso la Siria impedisce di fatto un’azione ad ampio raggio delle forze navali e strategiche americane, il cui scopo ultimo e rispettare gli ordini israeliani di attaccare l’Iran. Eliminata la Russia dal Mediterraneo e relegata nel Mar Nero, sotto il controllo della Turchia, l’attacco all’Iran è presto fatto. Gheddafi, così come Assad sono la spina nel fianco di una certa parte del gruppo di comando israelo-americano e pare anche in contraddizione con le direttive della Casa Bianca e di Tel-Aviv. Vedasi a tal proposito quanto scrivevo su Qualche parola sulla Libia… in cui la lista degli stati “canaglia” messa a punto dai criminale del patriot act aveva previsto esattamente come sarebbe andata.

Il dramma al quale andremo incontro sarà sicuramente uno scenario di guerra proprio sotto casa nostra con conseguenze disastrose. Ricordate nell’articolo “Qualche parola sulla Libia… quanto disse il massone di Napolitano in occasione dell’incontro con gli Italiani d’America per i 150 dell’unità d’Italia? Ebbene disse questo:<< Il mondo di oggi è contrassegnato da opportunità, sfide, contraddizioni. I prossimi anni non saranno facili per nessuno, ed in particolare per l’Italia“. A dirlo è il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in occasione dell’incontro con la comunità italiana di New York riunita per celebrare il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Adesso fate quindi i vostri conti e realizzate come ci stanno trattando quelle testine incaprettate che saranno dei nostri politici.

Per il traditore di Frattini e Napolitano e del Fondo Monetario Internazionale: ecco come era la Libia di Gheddafi.

26 agosto 2011 3 commenti

Nella spasmodica ricerca del dittatore di Gheddafi crescono a dismisura le nefandezze della manipolazione ordita dalle forze della Nato. Gheddafi viene dipinto come un sanguinario e brutale assassino, come quello che ha voluto mettere il popolo libico alla fame, che lo ha torturato maltrattato, trucidato. Gli esempi non mancano e i vari notiziari della coalizione bancaria della Nato, Inghilterra e Francia in testa, portando esempi raccapriccianti sulle scorribande selvagge dei lealisti (chissà perché li chiamano lealisti e gli altri ribelli, forse perché quelli della Nato si rendono conto di aver usurpato uno stato sovrano), quando nella realtà sono i risultati delle massicce scorribande dei voli della Nato e dei massacri compiuti con bombe al fosforo  sui civili e con armi non convenzionali e con l’uso di elicotteri e squadre d’intervento speciali.

Anche il חזיר di Frattini, assieme alla sua congrega sionista, spinge affinché Gheddafi venga catturato vivo o morto. Vivo o morto: ma che senso ha? Se lo catturi vivo hai modo di capire e di carpirgli alcuni segreti, ma se lo catturi morto non saprai mai nulla…impossibile capire quei cancheri sionisti che popolano quei governi come il nostro.

Nel frattempo siccome siamo bravi a mostrare la via per farci “inchiappettare” la Francia e l’Inghilterra ha già messo giù un piano di ristrutturazione (piano marshall IIa versione) per i paesi e le città distrutte dagli aerei della coalizione, mentre l’Italia con quell’altro infame di Scaroni (massone), appoggiato dal supremo מכוער di Frattini e Napolitano, raccoglierà le bricciole del banchetto giacobino, perdendo nel contempo una cosa come oltre 30 miliardi di euro di forniture.

Il ruolo dell’Italia è stato decisivo, il governo della destra e sinistra italiana è stato decisivo e tutto l’arco costituzionale, schiavo delle logge massoniche e bancarie che hanno deciso l’attacco alla Libia, ha avuto il suo meritato contributo economico: 4,5 miliardi di dollari a fronte di commesse già sosttoscritte con Gheddafi di oltre 40 miliardi di dollari.

Sembra come la storiella del commerciante che vendeva sempre tutto la sua merce ad un prezzo più basso del costo sostenuto per acquistarla.

Nel contempo e la cosa lascia per lo più meravigliati, ma non sorpresi, è che tutte le popolazioni arabe non hanno mosso un dito e questa la dice lunga sulla situazione politica del medioriente, ovvero della inaffidabile condizione di stabilità di una zona dove pochi ladri (Francia, Inghilterra, Israele e Italia) possono determinare ancora una volta una condizione coloniale per dominare il mondo. Mi preoccupa anche la posizione della Cina e della Russia che essendo fruitrici del petrolio libico avrebbero potuto estendere il loro veto all’Onu in maniera ben più prepotente, ma è evidente ancora una volta che a fare i conti non sono il rispetto delle nazioni, ma gli interessi miliardari delle aziende che controllano i paesi, tanto in Russia quanto in Cina.

Ma quello che ancora è più infame da parte di tutte le organizzazioni mondiali è che i giornalisti indipendenti, quelli che non prendono i soldi dai potenti sono in serio pericolo di morte per le minaccie subite e per le testimonianze da loro riportate direttamente dalla Libia. E’ il caso di Lizzie Phelan che ha subito la censura di Worpress e di Twitter per le notizie che riportava dalla Libia: libertà a senso unico?

E’ un esempio emblematico e se quanti, come vogliono farci credere, inneggiano all’unità d’Italia, dall’altra parte stanno svuotando la sostanza di questa unità proprio attraverso questi sistemi di dominio che della sovranità di un paese e di un popolo non gliene frega niente a nessuno, tanto meno a quello che molti inneggiano come il salvatore (Napolitano), mentre pochi sanno che è un essere che nemmeno della sua ombra ci si dovrebbe fidare, tanto grande è il laidume che permea quel comunista: per tutti i suddetti solo una pena sarebbe loro da riservare come la Crux patibulata, così come a Roma si usava per la feccia più bassa ed ignobile che calpestava la nobile terra italica.

LA LYBIA DI GHEDDAFY:

Elettricità domestica gratuita per tutti

■Acqua domestica gratuita per tutti

■Il prezzo della benzina è di 0,08 euro al litro

■Il costo della vita in Libia è molto meno caro di quello dei paesi occidentali. Per esempio il costo di una mezza baguette di pane in Francia costa più o meno 0,40 euro, quando in Libia costa solo 0,11 euro. Se volessimo comprare 40 mezze baguette si avrebbe un risparmio di 11,60 euro.

■Le banche libiche accordano prestiti senza interessi

■I cittadini non hanno tasse da pagaren e l’IVA non esiste.

■Lo stato ha investito molto per creare nuovi posti di lavoro

■La Libia non ha debito pubblico, quando la Francia aveva 223 miliardi di debito nel Gennaio 2011, che sarebbe il 6,7% del PIL. Questo debito per i paesi occidentali continua a crescere

■Il prezzo delle vetture (Chevrolet, Toyota, Nissan, Mitsubishi, Peugeot, Renault…) è al prezzo di costo

■Per ogni studente che vuole andare a studiare all’estero, il governo attribuisce una borsa di 1 627,11 Euro al mese. ■Tutti gli studenti diplomati ricevono lo stipendio medio della professione scelta se non riescono a trovare lavoro

■Quando una coppia si sposa, lo Stato paga il primo appartamento o casa (150 metri quadrati)

■Ogni famiglia libica, previa presentazione del libretto di famiglia, riceve un aiuto di 300 euro al mese

■Esistono dei posti chiamati « Jamaiya », dove si vendono a metà prezzo i prodotti alimentari per tutte le famiglie numerose, previa presentazione del libretto di famiglia

■Tutti i pensionati ricevono un aiuto di 200 euro al mese, oltre la pensione.

■Per tutti gli impiegati pubblici in caso di mobilità necessaria attraverso la Libia, lo Stato fornisce una vettura e una casa a titolo gratuito. Dopo qualche tempo questi beni diventano di proprietà dell’impiegato.

■Nel servizio pubblico, anche se la persona si assenta uno o due giorni, non vi è alcuna riduzione di stipendio e non è richiesto alcun certificato medico

■Tutti i cittadini della libia che non hanno una casa, possono iscriversi a una particolare organizzazione statale che gli attribirà una casa senza alcuna spesa e senza credito. Il diritto alla casa è fondamentale in Libia. E una casa deve essere di chi la occupa.

■Tutti i cittadini libici che vogliono fare dei lavori nella propria casa possono iscriversi a una particolare organizzazione, e questi lavori saranno effettutati gratuitamente da aziende scelte dallo Stato.

■L’eguaglianza tra uomo e donna è un punto cardine per la Libia, le donne hanno accesso a importanti funzioni e posizioni di responsabilità.

■Ogni cittadino o cittadina della Libia si puo’ investire nella vita politica e nella gestione degli affari pubblici, a livello locale, regionale e nazionale, in un sistema di DEMOCRAZIA DIRETTA (iniziando dal Congresso popolare di base, permanente, fino ad arrivare al Congresso generale del popolo, il grande Congresso nazionale che si riunisce una volta all’anno) .

Fonte: ipharra.org

L’aiuto meritato.

22 agosto 2011 Lascia un commento
L’aiutino

Forse siamo all’epilogo di una situazione disastrata che si trascina da oltre 6 mesi e in questi momenti di bisogno ecco spuntare i veri sostegni del popolo libico, i veri mentori, i veri mecenati.

La Banca Mondiale ha fatto sapere che in questi momenti di difficoltà è pronta ad intervenire a sostengo del popolo libico “Guidata dai nostri azionisti, la Banca tornerà ad avere rapporti con la Libia non appena potremo essere utili alla ricostruzione del paese“. Già, perché prima il dittatore di Gheddafi l’aveva messa alla porta per il suo prezioso sostegno usuraio.

I ribelli adesso hanno chiuso il cerchio con l’aiuto dei soliti noti e per chi crede in un Dio diamo uno sguardo al cielo e preghiamo per quanti sono morti inutilmente nella loro ignoranza.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: