Home > Massoneria, Politica > Redenzione e mimetismo rapace

Redenzione e mimetismo rapace

.

.
Quello che ci tocca leggere in questi giorni è particolarmente rivoltante e vergognoso, soprattutto se a dire certe cose è un rappresentante importante come il presidente della Repubblica Italiana.

In un’intervista Napolitano rievoca il suo passato macchiato di errori e dall’impulso della gioventù

"Il sentiero della mia vita è un processo passato attraverso prove ed errori. Sono partito dagli ideali che in gioventù ho sposato  -  più che per scelta ideologica  -  per impulso morale e sensibilità sociale".

Non possiamo che essere d’accordo nell’affermare che la sensibilità morale e sociale che svolsero i carri armati sovietici quando entrarono a Budapest nei confronti della popolazione magiara fu un atto umanitario e di lodevole democrazia, come adesso l’Italia ha compiuto nei confronti della popolazione libica e nell’omicidio di Gheddafi.

Ma il trasformismo del personaggio supera ogni aspetto quando afferma che

"Innanzitutto fu una tragedia, anche per il Pci, un errore grave e clamoroso del gruppo dirigente, a partire da Togliatti. Poi, anche prima che si ammettesse l’errore, si comprese la lezione: per cui, quando nel 1968 (Togliatti era già deceduto da 4 anni) ebbe luogo l’intervento armato dell’Urss e degli altri paesi del blocco sovietico in Cecoslovacchia, il Pci ufficialmente si schierò contro quell’intervento".

Un errore di Togliatti, lui afferma, una tragedia applaudita e sostenuta da tutti i dirigenti politici dell’epoca compreso lo stesso Napolitano che non afferma, però, il suo distacco da quegli eventi rimanendo nel generico e continuando ad ammettere "…in cui ero membro attivo di un Partito Comunista che non era un partito stalinista come molti altri in quanto aveva una fondamentale matrice antifascista e democratica e comprendeva forti componenti liberali…"

Peccato che l’intervistatore non abbia colto l’essenza del ragionamento e del suo trasformismo opportunistico, peccato anche che non abbia chiesto spiegazione sull’appellativo che Kissinger gli aveva coniato e che gli è rimasto:"my favourite communist".

  1. virginia
    9 giugno 2012 alle 21:43

    E’ come tentare di sfuggire al giudizio della Storia. E’ un goffo tentativo di manipolare ciò che le è già stato consegnato. I fatti rimangono i fatti.

    • 9 giugno 2012 alle 23:53

      Il fatto più essenziale che emerge in queste dichiarazioni sta proprio nella nullità degli uditori. Son pochi quelli che vogliono capire e vedere con i loro occhi.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: