Home > Ebraismo > Nel segno della libertà sessuale?

Nel segno della libertà sessuale?

E’ ufficiale, una coppia di lesbiche americane, dopo aver adottato un bambino, gli hanno somministrato ormoni dall’età di 8 anni per farlo diventare una bambina.  Si sono giustificate dicendo che “è preferibile per un bambino effettuare il cambiamento quando l’età è ancora giovane“.

Il trattamento ormonale è attuato al fine di impedire al bimbo di passare per l’età puberale prima di essere operato per il cambio di sesso.  Le due lesbiche, di religione ebraica, hanno messo in pratica quello che il talmud prevede. D’altronde in Usa, nelle comunità ebraiche molto osservanti le regole talmudiche si mettono in pratica senza troppi indugi.
Molte sono le cose deviate e mai denunciate per il timore della ritorsione, della vendetta, ma sopratutto dell’onta che la comunità subirebbe da una denuncia di questo tipo.

Siamo arrivati al capolinea della moralità e della indifferenziazione fenotipica (tutte lesbiche e culattoni) alla quale si vuole sottomettere l’intera umanità. Guai a dire che queste lesbiche sono da condannare, perché hanno plagiato a proprio uso e consumo un essere inerme incapace di intendere e di volere, poiché saremmo tacciati di omofobia, di razzismo, ma sopratutto di antisemitismo.
Ma non erano proprio queste categorie di persone a promuovere la diversità come ricchezza del cambiamento, che una società aperta e libera è resa più ricca? Eppure in questa ondata di omofilia o meglio pedofilia, perché di altro non si può parlare, viene subito sottolineato lo scandalo quando qualcuno prende le distanze, o perché non interessato o perché preferisce vivere la sua omosessualità senza i lustrini della ribalta. Fa specie pensare che Vendola aveva espresso che se poteva sarebbe andato nel Kossovo (chissà perché proprio lì!) per adottare un bimbo, ma fa altresì specie la battaglia per l’affido/adozione dei bambini a coppie omosessuali.

Ebbene, queste mostruosità compiute da persone mentalmente ammalate non solo dovrebbero essere condannate pubblicamente, ma punite con estrema durezza e senza distinzioni di razza o credo religioso.

  1. Antonio P.
    5 luglio 2012 alle 17:10

    Libertà assoluta a coloro che vivono ed operano inquadrati nelle fandonie farsesche – e cinicamente feroci – almanaccate nella summa di dicerìe che alcuni chiamano “bibbia”!
    Costoro vivono inquadrati in quelle prescrizioni, con coerenzac.
    Ed ecco l’esempio citato. Risultato “pertinente”!

  2. virginia
    6 luglio 2012 alle 18:04

    Premetto che non sono né antisemita, né omofoba. Ma l’episodio che riporta l’articolo non mi stupisce affatto, mi inorridisce, piuttosto, non meno della Shoa perpetrata ai danni del Popolo palestinese da parte del Popolo Eletto. Ma eletto da chi? da una costruzione sovrastrutturale ed apologetica?Ho avuto una brutta esperienza, per fortuna finita da tempo per mio trasferimento e conseguente allontanamento. Quando per la prima volta venni invitata a casa di due nuovi amici, mi espressi molto chiaramente in proposito della questione palestinese. Purtroppo mi aprii proprio nelle tana del lupo: il marito della mia amica era ebreo(ometto la nazionalità, per ovvi motivi). Da allora e nei 5 anni a seguire, tanto durò la nostra amicizia,mai conobbi odio più profondo e malcelato da ipocriti sorrisi. Più avanti ebbi modo di leggere “Le radici dell’odio” di P. Barnard, e capii molte cose in proposito. Hanno la stessa mentalità dei Nazisti, lo stesso odio per i diversi, e sono i nostri mortali nemici. Ma rappresentano anche le lobbies internazionali più potenti, difesi dagli amerikani, loro amici e protettori, in virtù di quella spartizione, a Yalta, che decise che gli Usa avrebbero avuto il controllo di gran parte dell’area medio-orientale proprio attraverso il nuovo stato di Israele, costruito per pulire la coscienza dell’occidente e per un malcelato senso di colpa storico. Le lobbies ebree negli USA fanno quello che vogliono, e, nonostante quello che le due lesbiche americane si accingono a fare, in Europa, sia un reato, negli USA la legge del talmud è superiore alla legge dello stato, Per cui queste due criminali, perchè tali sono, possono liberamente praticare questa aberrazione.

    • 7 luglio 2012 alle 23:30

      Ti dirò di più. Negli anni dell’intifada, in cui ebrei e palestinesi di araft si massacravano, conobbi all’università alcune ragazze, molte delle quali ebree di San Francisco che non molto velatamente mi fecero capire una loro avversione all’ostile e sempre presente ostilità delle ragazze israeliane che convivevano con loro e che pure conobbi. Non c’era nessun spazio di discussione, nessuna possibilità di colloquio ed ogni cosa sulla quale si poteva discutere finiva spesso in dichiarazioni tipo “voi non capite un cazzo dell’ebraismo”, o altre come “voi ce l’avete a morte con noi ebrei”. Alcune volte, ed in virtù del fatto che avevo amici ebrei russi, americani ed italiani, sostenevo che il loro pensiero è solo loro e non uguale a tutti gli ebrei, (Shlomo Sand docet!!), ma guai a me nell’insistere in questa tesi, passavo immediatamente per antisemita.
      Mi ruppero le palle molte volte tanto che anche le mie amiche “ebree americane”, molte volte trovadosi a confrontarsi con i loro ragionamenti ed i miei, ma venedo da ua società multietnica come quella americana, capivano in anticipo l’ottusità delle israeliane. Queste ragazze, molte veramente bellissime, sfiorivano nei ricordi della guerra, delle atrocità da loro commesse e probabilmente il peso dei drammi che avevano perpetrato o subito le rendeva oltremodo aggressive e intolleranti. Ma questa è la società israeliana, ricca di razzismo, di intolleranza, di odio per tutti, perché diversi da loro e perché i lavaggi ricevuti sin dall’età infantile ha tolto loro qualsiasi critica. Solo alcuni si salvano, ma sono ghettizzati, enucleati e messi al bando. C’è un sito isareleinao che fa la lista di queste ebrei: JEWISH S.H.I.T. LIST. Ec è la rappresentazione della follia di questa popolazione che NON è di origine semitica, ma balcanica/askenzaita, NON ha le origini semitiche proprie degli ebrei e degli arabi, NON conosce nulla della propria storia, percH storia non ha, e perché si basa e si fonda su alcune raccolte di certi rabbini, spesso invasati, creduti messia mandati da dio, come i seguaci di Sabbath Zevi in Turcha che massacrano 1.500.000 armeni e che si nascondo, oggi, nelle pieghe del potere laico del governo turco.

  3. virginia
    6 luglio 2012 alle 18:34

    Dimenticavo: la prossima mossa delle lesbiche americane-ebree, qual’è? l’evirazione?

  4. virginia
    8 luglio 2012 alle 10:43

    Non mi dici nulla di nuovo. Bellissimo il film “La masseria delle allodole”, proprio sul genocidio degli Armeni. Il Male oggi è rappresentato da queste forme di follia, nascosta nelle pieghe delle menti malate di questi personaggi. Altro che il terrorismo Islamico……Anche questo tutto da rivalutare in merito a quanto detto. Nulla mi vieta di pensare che il cosiddetto terrorismo islamico, altro non è che un grande “impeachment” internazionale, usato per depistare dalla conoscenza del vero Terrorismo Internazionale. E il mondo islamico fa da capro espiatorio. L’occidente ha paura del mondo islamico, perchè rappresenta una potente minaccia per i suoi confini. Le le Crociate, purtroppo, passano i secoli, ma restano come sempre, anche se ora si son fatte più sottili. Per questo più pericolose.

    • 9 luglio 2012 alle 13:54

      Non l’ho visto quel film. Per quanto riguarda il cosdidetto “impeachmente” era già stato scritto agli inizi degli anni 60, successivamente perfezionato e modificato in realzione degli avvenimenti cnseguenti alla fine della guerra fredda.

  5. 14 luglio 2012 alle 19:18

    a me piace andare un passo per volta e capire l’argomento, allora non svolto verso i massimi sistemi e vorrei capire il non esplicitato di questa affermazione
    “l trattamento ormonale è attuato al fine di impedire al bimbo di passare per l’età puberale prima di essere operato per il cambio di sesso. Le due lesbiche, di religione ebraica, hanno messo in pratica quello che il talmud prevede.”
    “Il “Talmud è un oceano di discussioni e sentenze, dimmi a quale si riferisce la frase, altrimenti formulata in modo così generico …..

  6. alsalto
    19 luglio 2012 alle 13:07

    E sei finito immediatamente nel blogroll del mio blog….sempre che la cosa non ti urti. Nel caso dimmelo che ti ci tolgo😀

    ps:ma io ti ho letto a volte…da cloro?

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: