Home > Israele, Sionismo > Flytillia e Cycletillia la pace nel segno della tolleranza

Flytillia e Cycletillia la pace nel segno della tolleranza

Ancora una volta la forza dei servizi segreti israeliani inducono le compagnie aeree di tutto il mondo a stilare delle liste nere (blacklists) dove indicare i soggetti che hanno come obbiettivo la manifestazione Flyfottilia. Come accaduto qualche tempo fa Israele non smentisce la sua indole democratica di paese civile, tollerante e liberista. In Israele c’è posto per tutti, a tutti è permesso manifestare come dimostrano alcune foto:

Non fatevi ingannare, i segni sulla schiena sono il risultato di un abbraccio fraterno che i soldati dell’IDF hanno voluto dare alla comitiva.

Non possiamo inoltre non ammirare il tentativo di abbraccio fatto dal colonnello Shalom Eisner ad un ciclo-attivista. La maldestra azione viene scambiata per un’aggressione:

L’aspetto più curioso di tutto questo è che probabilmente quelli di Flytillia non hanno firmato il contratto politico che Israele desidera far firmare, in certi casi, ai tutti i turisti che entrano nel paese:

 

  1. 16 aprile 2012 alle 20:36

    Ben detto, con ironia che è un sollievo rispetto agli insulti che servono solo a far strillare le fiammenierenstein.
    Ma vogliamo dire una parolina sulla black list degli indesiderati mandati alle compagnie aeree di tutto il mondo ,che si sono prontamente genuflesse?
    Con quale diritto il governo di uno stato dà ordini ai servizi aerei di altri stati?
    Immagini se avessero fatto il loro lavoro: biglietto, passaporto, bagaglio, su di te non c’èun mandato di cattura dell’Interpol ,,,, allora buon viaggio,! Cosa sarebbe successo al Ben Gurion? Avrebbero sparato, in aria spero, per frenare la calca. Invece Alitalia e tutte le altre hanno fatto servizio di ordine pubblico per uno stato straniero.
    Lo trovo insopportabile, per cosa strilliamo a favore dei diritti dei palestinesi se lasciamo che Tel Aviv decida dei nostri movimenti. E comandi entro i nostri confini?

    • 16 aprile 2012 alle 22:58

      Mia carissima, purtroppo abbiamo venduto la pelle al lupo.

  2. 16 aprile 2012 alle 23:58

    … non ce l’ha nemmeno pagata bene!

    • 17 aprile 2012 alle 01:40

      Pensavi che fossero magnanimi??

  3. 17 aprile 2012 alle 08:44

    Hai usato “noi” come soggetto della vednita, quindi non focalizzarti ora sulla magnanimità o meno dei compratori,. Il guaio è la dabbenaggine dei venditori.

    Questo delle linee aeree è un caso perfetto. Arriva una velina, basta buttarla nel cestino e restano scornati, invece…
    Chissà quanto se la ride Netanyahaaaaau e con fondati motivi.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: