Home > Manipolazione, Popolo > Italiani: popolo di merda, anzi popolo recchione.

Italiani: popolo di merda, anzi popolo recchione.

Non voglio entrare nelle pastette politiche inutili e sempre opinabili. Siamo ormai in una condizione di sussistenza: il commercio arranca, l’agricoltura è ormai asfittica, le importazioni mancano, l’industria pesante ormai non c’è più da anni, scambiata con le quote latte e per grasse vacche da mungere a favore della Francia, Olanda e Germania. Questo lo sappiamo già.

Un buon padre di famiglia, blocca tutto, mette tutto al punto zero, ovvero rimette al suo posto le lancette dell’ orologio della nazione che sta affondando. Ma molti italiani sono ancora convinti, incoscientemente, di sopravvivere di fronte alla tragedia che ci colpirà tra qui a poco, poiché l’elezione del governo tecnico che Berlusconi ha permesso che si attuasse, maledetto lui e tutta la sua genia, è solo l’anticamera della totale distruzione dell’Italia, di quella terra che conosciamo, di quelle tradizioni che sono ormai arrivate al lumicino, che sono solo da viatico per le sagre di paese e per le feste rionali.

L’Italia, quella orgogliosa e produttiva, sempre pronta a scattare non c’è più e più lasciamo spazio a questa congrega di parassiti, sempre di più ci troveremo con il fango delle loro azioni alla gola. Non c’è tempo, e si deve agire in fretta!!!
Ma chi sono questi parassiti? Chi ha il coraggio di colpire questa grossa fetta di italiani che stanno succhiando dalla tetta di mamma Italia? Non è difficile sapere chi siano, ma è molto più facile colpire ed azzerare quanti stanno, giorno dopo giorno affossando, la nostra indipendenza.

La casta la conosciamo già è composta da qualche migliaio di persone, per lo più gente vigliacca ed inutile, capace solo di vivere del lavoro degli altri per i propri interessi. Sono molti, ma sono anche vigliacchi, capaci di cambiare bandiera a seconda del tempo che trovano sul loro percorso. Sono i primi che debbono essere colpiti, i primi che devono capire che gli italiani, quelli che lavorano e che producono si sono rotti le scatole. Sappiamo però che le tecniche denigratorie sono sempre sull’uscio e in questi giorni va molto di moda Cortina i suoi evasori, quella massa informe di arricchiti sfoggianti pellicce e fatture false. Il messaggio della plutocrazia è chiarissimo: “Vedete come sono i privati? Evasori, ladri, mistificatori, i primi a dichiarare un euro ed evaderne 100.000”, mentre loro, lo Stato, quello parassita, dice “Noi siamo qelli che colpiscono gli evasori, che colpiamo senza discriminazione che mettiamo dentro potenti e non potenti”.

Questo sarebbe il messaggio inviato dalle televisioni pubbliche!!! Messaggio laido, infame e maiale, come maiali sono quelli che solo adesso si accorgono delle evasioni e gli altri 60 anni di evasione che fine hanno fatto, come mai solo ora si accorgono di questo, chi vogliono prendere per i fondelli?  I Vari Rutelli, Fini, Berlusconi, Bossi, Monti, Cicchitto ed altri marci personaggi dove stavano quando pagavano in nero i conti delle proprie festine, degli incontri politici? E la GDF che cosa faceva? Si appoggiava ai vari gallonati per non “disturbare”? E le regole dello stato valgono solo per i piccolo cittadino?

Non prendete per i fondelli gli italiani, perché alla lunga una corda avanza anche per voi!!

Infatti, la modifica alla variazione delle varie prebende statali (tutti gli statali) deve essere approvata dallo stesso gruppo di persone che ne riceve il beneficio, ma ci credete voi che ne faranno qualcosa di costruttivo? Io no!
Quindi è ora di mettere mano al costrutto, di fare e di rovesciare questo stato inutile, parassita e sostanzialmente assistenzialista.
Sui rimborsi elettorali nessuno parla, per esempio, e si tratta di cifre da capogiro: 2,25 miliardi
Sulle energie rinnovabile, quelle che paghiamo sulle bollette dell’Enel e di Edison, paghiamo un contributo piccolino di circa 40 miliardi di euro.
In Sicilia, un’isola bellissima ma condotta malissimo, i costi salgono alle stelle e parliamo di cifre impensabili per un deputato (22.000 euro/mese), senza dimenticare che se va in pensione gli è garantita quella minima di 4000 euro/mese.
Secondo la Corte dei Conti (strapagata anche quella: 450 mila euro di stipendio per ogni consigliere) la corruzione della pubblica amministrazione costa agli italiani 60 miliardi di euro l’anno: quanto due o tre finanziarie.
Perchè non stroncare – con le cattive, con licenziamenti in tronco – questo «costo», sicuramente non-competitivo? A chi NON conviene tutto ciò?  A Monti, a quella pletora di parassiti che campeggiano in parlamento o a quel vecchio canchero che deplorevolmente non decide di annullarsi?

E’ pacifico che quanto attuato dal governo di adesso, ma anche da quelli passati in questi ultimi 60/70 anni, sono solo funzione di un progetto nichilista di svuotare la cultura, le tradizioni e il nerbo della nazione italiana, perché serve ai grandi potenti del mondo avere una nazione come baldracca di turno che possa sdraiarsi con uno e poi con l’altro, indifferentemente, pur di attuare i progetti di sovvertimento nazionale ed internazionale che si stanno attuando i questi ultimi anni.

Noi italiani non ce ne accorgiamo, corriamo a frotte a comperare cazzate di aziende svendute e delocalizzate, di prodotti fatti in serie, di articoli di plastica dall’infimo valore, di cibo prodotto in paesi sui quali nessuno è mai stato in grado di verificarne la qualità.
Noi italiani siamo sempre attenti alle mode, quelle americane, quelle inglesi, quelle francesi, ma stiamo poco attenti al nostro deretano. Una massa di finocchi, mi verrebbe da dire, ma la realtà è peggiore del pensiero, perché cos’altro possiamo pensare di costruttivo quando si vedono migliaia di persone a fare a file negli outlet o presso i negozi della Apple? E poi a casa magari mangiano pane e cipolle o croste di formaggio!

Popolo di merda, anzi popolo recchione, perché, in culo alla teoria omofobica, comprendo che l’italiano è un gran culattone. Pur di apparire vende anche se stesso senza discernere come e quando decidere di prenderlo, una vera baldracca!
Un vero omosessuale, decide lui quando, come e con chi appartarsi e questo è più che rispettabile, anzi fa parte della diversità che è necessaria ad una cultura per esprimere i “propri colori”, ma se rapportiamo questo alla massa culattiera che si fa inchiappettare giorno dopo giorno e aspetta la domenica per una partita fatta da degli infami calciatori che guadagnano milioni di euro ( alla faccia del povero cristo che rinuncia di mangiare pur di vedere la partita), beh, allora, siete proprio degli italiani di merda ed hanno ragione quegli stranieri che ci guardano con un sorriso beffardo “tu italiano essere recchione, vero? Te piacere prendere sempre grande bastone, ma non sulla schiena, ma in culo!” E noi, deficienti, ridiamo, ridiamo e sganasciamo per quelle parole veritiere che questo imbecille pronuncia nei nostri riguardi e mentre lo facciamo ci si ritrova in mutande.

Allora vogliamo svegliarci e mettere da parte tutte le cavolate di destra sinistra centro che non hanno mai risolto nulla, ma che hanno solo servito per separare. L’Italia è una sola, oggi, e Nord e Sud sono solo definizioni populistiche create bell’apposta da chi vuole separare per dominare. Non pensiamo che il sud sia peggio del nord. No, non era così, una volta, lo è adesso,  per certi aspetti; ma mentre un tempo – prima dell’unità d’Italia che quel vecchio bastardo  festeggia ad ogni occasione – nel sud c’era la  seconda più grande flotta mercantile del mondo, c’era la sanità per tutti, la casa per tutti, il lavoro per tutti, adesso c’è solo miseria, odio, nefandezze alimentate da uno stato che si serve dei più umili per attuare le sue bassezze. E più c’è miseria e più una popolazione è stremata dalla fatica, dal lavoro che non trova, più facilmente la malavita, la plutocrazia si sviluppa alimentando quel sottobosco di favori che vanno contro alla realtà che c’era prima dell’unità.

Non dividiamo, ma uniamo, questo dovrebbe essere il motto, invece se da un lato i nostri politici sono bravi parlatori, dall’altro mostrano la loro capacità di dividere a favore delle proprie bramosie e dei propri interessi.
Ora è giunto il momento di sporcarsi le mani, di mettere le mani in pasta e di togliere dalla latrina i cui stiamo affondando quella Italia che tutto il mondo ci invidia, per poco ancora.

  1. 6 gennaio 2012 alle 02:15

    signor Conte!!!! lol

    In questo tuo scorticare l’italica massa con tutte le ragioni di questo mondo e delle argomentazioni inoppugnabili, hai messo una sfilza di tag che… non riesco a smettere di ridere.

    Tragico, vero? Ridere per il tanto che siamo sprofondati….

  2. morgan
    6 gennaio 2012 alle 12:00

    Che tristezza..
    Purtroppo questa fotografia dell’Italia sembra scattata in un’epoca lontana in cui certi software utilizzati oggi per correggere i difetti, migliorare le luci, ritagliare i soggetti di troppo, ancora non esistevano..
    Purtroppo gli italiani sono ben rappresentati dalle lunghe file di pellegrini in coda ai santuari della moda, della tecnologia, alla ricerca del proprio feticcio da indossare, adorare..
    ..mentre il Paese affonda nella merda..
    Io sono omosessuale e non posso nascondere la rabbia nel comprendere le ragioni che hanno spinto chi scrive (e leggo oggi per la prima volta) a paragonare gli italiani ad un’orda di “culattoni” non sono poi così distanti dal vero.
    Vorrei battere i pugni sul tavolo e alzare la voce per far sapere a chi scrive e a chi legge che, da omosessuale, io non accetto etichette. Vorrei dire che io per difendere la mia dignità non ho bisogno di attaccare i diversi da me, di prenderli “ad esempio” di una civiltà che va a puttane la sera e alla santa messa la mattina seguente..
    ..ma oggi non me la sento, perché il mio diritto di essere rispettato in quanto omosessuale, lo voglio mettere in secondo piano rispetto al dovere di essere cittadino italiano e, solo tra le altre cose, omosessuale. Pretendere che questo popolo di beoti si svegli, si rimbocchi le maniche e si metta a far pulizia e ordine (nb nessun riferimento culturale alla destra fascista) è dovere di tutti.
    Non so se sarà necessaria l’Apocalisse, una carestia di trent’anni, un’altra terribile e umiliante dittatura per risvegliarci, ma qualcosa dovrà pur accadere..

    Concludo ricordando che FORTUNATAMENTE, tra gli italiani, è rimasto qualcuno che non perde tempo davanti alla TV o alle vetrine dei negozi. Qualcuno che non fa il proprio dovere perché di destra o di sinistra, ma perché crede davvero e solo in quello che fa, nei valori che ha.
    E la nostra cultura viene a galla ogni qualvolta ci si confronti con uomini e donne di altri paesi (e non penso agli immigrati, ma agli americani, canadesi e inglesi, tedeschi, francesi…). Nessun altro riconosce istintivamente il “bello” come un italiano cresciuto in vicoli in cui hanno lasciato segni uomini come Petrarca, Francesco d’Assisi, Dante, Galileo, Leonardo, Caravaggio, Brunelleschi, Guarinì..
    Abbiamo buon gusto (senza bisogno di essere necessariamente gay) e buon senso.
    Nel DNA di questa nostra nazione c’è oro puro, basta solo riesumarlo!

    • 6 gennaio 2012 alle 14:41

      Grazie del tuo intervento, che apprezzo e sottolineo per la chiarezza e pacatezza intelligente. Però, permettimi di evidenziare, quando affermi “…non posso nascondere la rabbia nel comprendere le ragioni che hanno spinto chi scrive (e leggo oggi per la prima volta) a paragonare gli italiani ad un’orda di “culattoni” non sono poi così distanti dal vero.”
      Lasciamo dire una cosa: se esistono persone diverse da me, per cultura, colore, pensieri o tendenze sessuali, non può che farmi piacere. La diversità è la ricchezza di una cultura e più essa è varia maggiormente progredisce, senza distinzioni di sorta.

      Il mio sbocco nei riguardi degli italiani culattoni ovviamente non è riferito agli omosessuali, ma bensì al piacere insito degli italiani di farsi fregare e con grande gusto. Il paragone al popolo omosessuale altro non è che un esempio che nulla toglie e nulla aggiunge, ma che agisce come leva in un luogo comune. Punto!
      Che tu lo sia, omosessuale, la cosa a me non interessa, mentre è molto più importante quello che c’è dentro, quello che sono i pensieri, i ragionamenti, le deduzioni, l’articolazione del ragionamento politico, sociale e umano.

      Hai ragione nell’affermare che nel nostro DNA c’è oro puro, ma come in tutti i sistemi evoluzionisti se non c’è integrazione e sopratutto pacatezza ed equilibrio quello che s’è guadagnato nei secoli passati verrà perso in un batter d’ali. Basta vedere quello che ci circonda per capire che abbiamo perso quasi tutto e le poche nicchie di valore culturale sono aggredite ogni giorno che passa sempre di più. Le tradizioni, la cultura, la nostra lingua, i nostri pensieri sono stati sostituiti con dei totem che una volta sublimati avranno il solo scopo di riscaldarci negli inverni bui della nostra cultura morente.

      Questo è il dramma assoluto e gli italiani, beoti e culattoni (non ti offendere, perché hai capito cosa intendo) non vogliono vedere, hanno paura della fatica, del sacrificio, della fatica che si deve fare per capire. Un tempo era più intelligente un semplice “boaro” che spalava letame che un “genio” attuale. I termini di paragone erano semplici, immediati e visibili, ma il mistero, il tutto che ammantava quella vita del boaro, era mistero; stupido mistero per l’attuale genio, ma mistico e profondamente ossequioso per il boaro. Uno viveva nella luce dell’alba come un giorno nuovo carico di auguri, l’altro come oscuro presagio di aridezza, di conformazione, di inquadramento.

      Grazie ancora della tua visita e se vuoi sei tornare sempre ben accetto🙂

  3. 6 gennaio 2012 alle 22:02

  4. 20 marzo 2012 alle 15:19

    Bisogna farla finita di far passare recchioni depravati per persone normali, hanno la loro malattia e vanno curati a spese dello stato , questi omozex sono malati e basta.

  5. 20 ottobre 2012 alle 11:26

    LA ROVINA DELL’ITALIA SONO GLI ITALIANI……………

  6. eva
    28 aprile 2013 alle 14:45

    Purtroppo credo che l’italia fara’la fine della grecia

    • 28 aprile 2013 alle 23:34

      Ci siamo già molto vicini, manca poco e gli ultimi avvenimenti sono il preludio. Purtroppo la stragrande maggioranza degli italiani non s’accorge del maglio che li schiaccerà.

  7. 1 maggio 2013 alle 22:55
  8. nicola
    29 luglio 2013 alle 11:03

    grazie per la tua descrizione del paese piu bello del mondo popolato dalla peggiore razza del pianeta(non tutti, ma quelli giusti purtroppo se ne sono già andati), berlusconi da chi è stato eletto? lo rivoterebbero ancora????????yeeees e molto orgogliosi anche.
    la legge è uguale per tutti?????non in italia.
    L’onestà è la miglior politica!!!cosi dicono gli inglesi, qui le persone oneste vengono prese per il culo in ogni ambito, lavorativo in primis e senza nessun riguardo fatte finire dove dovrebbero finire certi personaggi……nella merda, dove mi trovo io.
    Ma la cosa importante è che, tornato balottelli, allegri è ancora allenatore.

    • 29 luglio 2013 alle 23:27

      Mi spiace della tua situazione e sapere che anche altri la condividono non ti risolve il problema, ma perlomeno, se può aiutare, rincora.Ma i problemi rimangono sempre gli stessi.
      Se posso fare qualcosa per aiutarti non hai che da chiedere e se posso lo faccio e non per uno spirito umanitario, ma perché ogniuno di noi dovrebbe essere responabile dell’altro, di chi è sopra o di chi è sotto. E’ come in una cordata alpinistica, nessuno è insignificante, ma tutti agiscono per il bene comune.
      Purtroppo in Italia esistono molti capicordata che hanno anche il coltello in mano e per chi è in difficoltà tagliano la corda, così da farlo precipitare o cambiare percorso. Quello che non sanno questi capicordata è che spesso i viveri, le bombole di ossigeno le hanno proprio quelli che stanno in basso…ed arrivare alla vetta servono proprio quelli esclusi….

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: