Home > Israele, Manipolazione, Massoneria, Popolo, Sionismo, Violenza > This is my Land in Hebron

This is my Land in Hebron

Dopo la interminabile tiritera di Monti, di Dumbo (il ministro Giarda), delle lacrimucce della Fornero (poteva anche risparmiarsele) e degli altri uomini grigi di questo governo ombra che non ha cambiato nulla nel panorama delle riforme strutturali, mi è capitato di arrivare a vedere un film documento di Rai5: This is my Land di Giulia Amati, alla quale vanno fatti i dovuti complimenti per il coraggio, la forza e la dedizione con cui ha saputo illustrare in questo documento la verità del pensiero con cui si vuol sopprimere un popolo.

E’ un documentario eccezionale, non solo per a crudezza delle immagini, ma sopratutto per il fatto che è stato mandato in onda dalla Rai. Non da meno i vari intervistati nel documentario, molti dei quali ebrei israeliani fortemente contrari alla politica espansionista di Israele sui territori palestinesi.

Consiglio a tutti i credenti ebrei d’Italia e ai non ebrei di vedere questo documento, ma sopratutto lo consiglio a tutta quella parte di italiani che non sanno un cazzo di nulla della storia di Israele e di come è nato. Questi ultimi, quegli italiani voltagabbana, dovrebbero sedersi, ascoltare e meditare sulla nefandezza delle loro idee, spesso peggiori dei carnefici che compiono atti che nemmeno Satana potrebbe sopportare.

Questa è la parte 1 di 6 video che trovate tranquillamente in youtube. Ma lo trovate anche nel sito della Rai finché ordini “superiori” non decideranno di cancellarlo per non offendere la prepotenza nazi-sionista degli askenaziti e lubavitcher che stanno colonizzando Ebron.

  1. 5 dicembre 2011 alle 21:17

    Grazie della segnalazione. Per invogliare a vederlo nel sito Rai, dove suppongo facciano una statistica, metto il link
    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-6d2fc325-55df-43b3-a00a-c477e15572ac.html#p=0

  2. arianna f.
    6 dicembre 2011 alle 10:58

    ma allora non sono l’unica ad esser rimasta scioccata dal documentario!!
    Lo ammetto.. di Hebron sapevo ben poco ma quello che ho visto ieri sera mi ha lasciato senza parole.
    Ma quanta cattiveria si può trasmettere da genitori a figli?
    E con quanta leggerezza si può ricorrere all’uso di insulti come “nazista” soprattutto da coloro che hanno pagato in più larga scala le teorie di tali personaggi?
    Mi sa che la storia non insegna..

    • 6 dicembre 2011 alle 18:15

      Una cosa che mi ha colpito è la maniera con cui trattano i palestinesi, ma anche gli indigeni ebrei del posto, considerati ebrei di II categoria. Il termine “nazista” è il jolly di ogni discussione quando l’interlocutore non ha più parole per esprimersi, perché ignorante, arido, gretto, ma sopratutto perché cresciuto in un sottobosco di odio instillato, di false notizie, di bugie, e di un credo che stravolge la verità storica della storia di quella terra. Qui puoi leggere come i signori di Israele considerano i palestinesi, oltretutto semiti come loro:

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: