Home > Israele > Negev, 30.000 beduini strappati dalla loro terra.

Negev, 30.000 beduini strappati dalla loro terra.

Probabilmente la componente più violenta e distruttrice di Israele contro gli abitanti  non-ebreidalla fondazione dello stato di Israele è stata le disuguale distribuzione e allocazione delle risorse. Nell’area C del West-Bank, quell’area designata dal Trattato di Oslo con il pieno controllo militare e civile israeliano, Israele ha dimostrato di controllare i palestinesi della Cisgiordania tramite l’assegnazione dei diritti di accesso alle risorse come l’acqua, l’energia elettrica e l’energia elettrica 10 volte inferiori a quelli dei nuovi insediati ebraici.

La privazione  alle risorse lascia i palestinesi senza aiuto preda delle misure burocratiche che anche Kafka non potrebbe immaginare. Il sistema è semplice quanto infame e vigliacco: mettere in condizione i palestinesi di andarsene nell’area A, sotto l’autorità di controllo palestinese. La terra quindi non reclamata viene espropriata seguendo le antiche leggi ottomane.

E’ da notare che questa pratica non viene usata solo nei territori non-ebraici come la Cisgiordania, ma anche dentro Israele stesso contro i non-ebrei. Risulta infatti che secondo un piano israeliano (Prawer Paln) circa 30.000 beduini del Negev sono stati avvisati di lasciare quella terra, contro la loro volontà per far spazio ai nuovi insediamenti ebraici. La rimozione forzata è stata approvata dal governo israeliano.

Suppongo che non sia necessario commentare quanto quella specie di stato stia attuando. Parlare di pulizia etnica sarebbe inutile, tant’è che 81 senatori americani si sono recati in Israele a prendere ordini di come comportarsi in seguito sotto la guida dell’ ebreo-sionista americano Eric Cantor e Stany Hoyer.

Lo scopo della visita in Israele di un gran numero di senatori di ambo le fazioni è quello di spingere la Casa Bianca a mettere il bastone tra le ruote il mese prossimo quando l’Onu si dovrà pronunziare nei riguardi della richiesta palestinese di riconoscerne lo stato.

  1. 13 settembre 2011 alle 18:27

    ****************************************************************************************
    è un caso di sincronicità che non lascio passare sotto silenzio.
    Non avevo mai sentito nominare il Prawer plan in vita mia,
    oggi nello spazio di un quarto d’ora leggo questo tuo post che ne parla
    e quest’altro che lo completa egregiamente

    http://972mag.com/israel-pushes-the-bedouins-towards-an-intifada/
    ****************************************************************************************

    Quello che è vivere sotto il controllo di Israele è inimmaginabile, una prigione che, quando non lo è in senso letterale, significa ogni forma di vessazione morale e intellettuale. Come spesso accade, dedicarsi a fare della vita altrui un inferno significa starci dentro altrettanto, e continuare a dare all’altro la colpa della propria sofferenza.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: