Archivio

Archive for 3 luglio 2011

L’altra faccia della Lobby Sionista è quella del Quartetto Mediorientale.

3 luglio 2011 1 commento
L to R: Tony Blair, envoy for the Middle East Quartet, US Secretary of State Hillary Clinton, Russian Foreign Minister Sergei Lavrov, UN Secretary General Ban Ki-moon, and EU foreign policy chief Catherine Ashton. AFP PHOTO / Pic. Credit: YURI KADOBNOV/ AFP/ Getty Images

Questa la notizia dell’agenzia di stampa AFP (nb: sionista anche questa)

Sunday – July 3 2011- The so called “Middle East diplomatic Quartet” issued today a statement supporting the inhumane treatment of Palestinians and fully supporting the continuous zionists genocide and blockade imposed on Gaza Strip since 2006. The “Quartet” considered the illegitimate Greece prevention of the Flotilla ships from sailing into the Gaza Strip as a “positive step”, asserting that “the Quartet has the right to work with Israel to prevent arms trafficking from entry into the Gaza Strip”.

Ormai non c’è più regola civile “il quartetto ha accusato implicitamente e spudoratamente che gli organizzatori di Freedom Flottilia stanno cercando di rompere il blocco di Gaza messo a punto dagli isaeliani e di portare armi.

The Quartet Committee accused implicitly and insolently in its statement the Flotilla organizers of breaking the Gaza blockade and trying to bring weapons in their fleet to Gaza. They said in their statement: “Members of the Quartet are committed to working with Israel, Egypt and the international community to prevent the illicit trafficking of arms and ammunition into Gaza, and believe efforts to maintain security while enabling movement and access for Palestinian people and goods are critical …

Under the guise of “Middle East diplomatic Quartet” works a number of war criminals and zionists jews, like the accused war criminal and suspected pederast Tony Blair, who is involved in the Iraq war crime and crimes against humanity, and  who uses his influence as head of the Quartet to achieve personal profit as a “mediator”. Mr. Blair actually asked Israel to issue a permit to implement a “Palestinian” project of cell phones from which all profits go to his own company. The criminal Blair is very serious when it comes to helping extend the duration of the israeli occupation and marketing their demands and views through the “Middle East diplomatic Quartet” and encouraging the members to adopt what Israel wants. His employer, the Rothschild clan, would not allow anything else.

Other “representatives” of jewry and thus israel in this sham body are the Russian Sergei Lavrov, whom President Putin unfortunately has not kicked out of his country together with the rest of the “russian” mob which fled from prosecution to israel and Monaco and other warm places; James Wolfensohn, the American jew formerly at the head of the World Bank, one of the most criminal and despicable institutions of the world; Hillary Clinton, known by Americans, especially the people from Arkansas at least since the Whitewater scandal as a thieve on her own merit and whose daughter is married to one of the biggest crocodiles (formerly) at Goldman Sachs. Then there is the servant of zion, UN Secretary General Ban-Ki Moon, whose Korean compatriots reportedly ridicule him as “Banchi” (“useless one”), and last-but-not-least, the almost unknown baroness of Upholland, who emerged from obscurity to “somehow” become appointed to the head of the European Union and who on account of belonging to the British establishment can’t exactly be suspected of running counter to zionist interests.

With such a team, I ask myself, where are the interests of us Palestinians? I sincerely doubt that in this “quartet” composed of jews, servants of zion, Rothschild employees and a career criminals there is space for even minimal considerations of Palestinian interests. As a Palestinian, I would suggest to these people to get lost and take their sham “Palestinian Authority” with them to where the sun shines not.

The crass statement of these people in support of israeli atrocities, colonization, plunder, mass murder, war crimes, genocide against Palestinians is enough to know their dishonesty and their criminal intentions. It also shows that zion has many faces and sham front organizations. Together with the shameful events in Greece, it shows that to liberate Palestine from their grip, far more is needed than to vocally oppose them. What is needed are Parliaments and governments, legal professionals and courts of law cleansed of their infiltrators, a worldwide financial system where they are not represented, armies and security bodies beyond their control, and a keen watch over every move and word of each one of them. Still more important is that people everywhere wake up to their presence inside all the institutions and organizations which are supposed to work in the best interest of the nations, but which are perverted by the zionist presence. How else could the Greek scandals of the last days be explained if not by these subversives?

Let me just tell these “quartet” shysters that to prevent humanitarian assistance is a crime and that they look just like their miserable selves with that statement, that not only the blockade is illegal and a crime against humanity, but the whole sham “state of israel” is nothing but a giant criminal organization posing as a state and whose existence is wholly undesirable. And, even if weapons were to be brought to Palestinians, what was not the case, this would be completely legal and legitimate, as always people everywhere have had the right (and obligation) to defend themselves, their families and possessions from criminals and invaders.

If the “quartet” shysters are so fond of the jews, let them work on their repatriation: 3 million to the USA, about 1 million to Russia and other former Soviet countries, and the rest to other countries around the world. It should be easy to accomplish because most “israelis” have more than one passport. This is the only roadmap towards a real and lasting peace in Palestine (not “the middle east” as the colonizers say), because experience has shown that the jews in Palestine don’t want peace, they want to steal from us and murder us and get away with it.

The misrable statement issued by the Middle East diplomatic Quartet and published by AFP is below:

NEW YORK – AFP- The Middle East diplomatic Quartet on Saturday discouraged new flotillas from sailing to Gaza to provide humanitarian aid, it said in a statement.

“The Quartet recognizes that Israel has legitimate security concerns that must continue to be safeguarded,” said the group, representing the United States, Russia, the European Union and the United Nations.

“Members of the Quartet are committed to working with Israel, Egypt and the international community to prevent the illicit trafficking of arms and ammunition into Gaza and believe efforts to maintain security while enabling movement and access for Palestinian people and goods are critical,” the statement added.

Pro-Palestinian activists were outraged when Greece banned all Gaza-bound ships from leaving its ports for a second day on Saturday. Greece said they were acting to protect the activists.

Greek authorities cited Israel’s “declaration to use violence against those who attempt to break the blockade,” as well as a United Nations plea for member states on the Mediterranean “to use their influence to discourage” the missions, as reasons for their decision.

According to the Quartet’s statement, the group “remains concerned about the unsustainable conditions facing the civilian population in Gaza,” and added that conditions have improved over the last year, including an increase in the scope of goods and materials moving into Gaza.

“In this context, the Quartet strongly urges all those wishing to deliver goods to the people of Gaza to do so through established channels so that their cargo can be inspected and transferred via established land crossings.”

Greece’s Civil Protection Authority confirmed Saturday that the ban on departures of ships “with Greek and foreign flags from Greek ports to the maritime area of Gaza” was in place “until further notice.”

On Friday evening the US boat Audacity of Hope tried to depart Greek waters just an hour after Athens announced its ban: they were quickly intercepted by a coastguard vessel with masked, armed men on board.

Coast Guard officials were on alert for any other attempts to defy the ban, but differences emerged among the flotilla organisers over plans to get the remaining four boats into international waters and on to Gaza.

France’s chief diplomat Alain Juppe said the Quartet is scheduled to meet in Washington on July 11 to continue their meditations on the Israel-Palestinian peace process.

Fonte: kawther

Mediterraneo, mare sionista o mare Nostrum?

3 luglio 2011 6 commenti

Ancora un volta la prepotenza, la tracotanza del potere israeliano ha influito sulla spedizione della nave “The Audacity of Hope” .

Il capitano della nave John Klusmer è stato arrestato dalle autorità greche senza un chiaro motivo, mentre l’equipaggio è stato trattenuto sulla nave. Non c’è nessuna speigazione plausibile se non quella di un particolare art. 128 del Codice Navale greco che impone il blocco delle navi salpanti per porti o zone di guerra.

Allo stato attuale non risulta che in Israele ci sia una guerra e nemmeno nella destinazione della nave.

Segue il Comunicato Ufficiale di Freedom Flottilia:

Freedom Flotilla Italia – Comunicato stampa 1 luglio 2011

La nave Statunitense “Audacity of Hope” ha deciso di tenere fede al proprio nome ed è salpata, per essere bloccata dopo un quarto d’ora di navigazione dalle autorità portuali greche che hanno intimato agli attivisti di tornare in porto ad Atene minacciando l’equipaggio ed i passeggeri con le armi. Stesso tentativo e stesso esito per la nave canadese Taharir. Intanto una nota del Ministero per la sicurezza interna greco mostra tutta la subalternità del governo di Papandreou alle politiche israeliane, dichiarando che la Grecia vieta alle barche della Freedom Flotilla 2 di salpare per Gaza. Nel mare greco, in queste ore, si sta giocando un vero e proprio braccio di ferro tra i sostenitori del diritto internazionale e quelli del diritto di Israele, diritti che come è dimostrato sin dalla nascita dello Stato di Israele non fanno che confliggere. Come ignora Gianni Letta che risponde alla sollecitazione della Freedom Flotilla Italia con un comunicato dove dice che non è in grado di garantire la sicurezza degli italiani diretti a Gaza “…trattandosi di iniziative in violazione della vigente normativa israeliana”. “Non immaginavamo che tutto il Mediterraneo fosse proprietà di Israele” hanno commentato dalla FF2 gli attivisti internazionali determinati a portare a termine la missione, non solo umanitaria, ma soprattutto politica di fare approdare le navi a Gaza. L’obiettivo è quello di rompere un assedio che si protrae da troppo tempo ai danni di una popolazione che subisce una punizione collettiva, laddove sono proprio il diritto internazionale, le convenzioni e i trattati, nati per salvaguardare le popolazioni oppresse, ad affermare che tutto questo oltre a essere inumano, è fuorilegge.

Ancora una volta è evidente la commistione dei vari governi al potere ebraico-sionista di uno stato canaglia e criminale come Israele, impedendo il pieno diritto alla navigazione. Non possiamo inoltre non meravigliarci come il massone di Gianni Letta, più volte inquisito anche nei processi della P2, abbia espresso il suo favore contro le iniziative di Freedom Flottilia.

Piccolo inciso in quelle che sono le educatrici del futuro dell’umanità:
Per tutte le donne sappiate che gli ebrei-sionisti hanno una considerazione della donna pari a quella di una bestia, da usare, frustare e da farla partorire come si fa con un fattrice. Ditelo a quella specie di essere pseudo vivente della vostra rappresentante femminile della Nirenstein alla camera (ebrea-sionista, con doppio passaporto italo-israeliano, eletta nelle fila del PDL e vicepresidente della Commissione Esteri della Camera, eletta ultimamente come presidente dell’International Council of Jewish Parliamentarians, (un parlamento sionista che comprende tutti i rappresentanti sionisti dei parlamenti mondiali. Una specie di governo nel governo!!!). Per contro quel pezzo di bellibusto di Silvio Berlusconi in una nota d’agenzia dichiarava:

“(ASCA) – Roma, 30 giu – ”A nome mio personale e del governo, mi congratulo con l’on. Fiamma Nirenstein per la nomina a Presidente dei parlamentari ebrei di tutto il mondo, decisa con il voto unanime dell’International Council of Jewish Parlamentarians”. Lo afferma Silvio Berlusconi in una nota, sottolineando che ”questo incarico prestigioso e autorevole e’ il coronamento dell’impegno culturale e della passione politica che l’on. Nirenstein, deputata del Pdl e vicepresidente della Commissione Esteri della Camera, ha sempre manifestato in Italia e all’estero in difesa di quei valori di liberta’, democrazia e pace che accomunano Italia e Israele (nda: pace e libertà? Ma per chi?). Una battaglia che ci vede schierati dalla stessa parte (quale parte? Quella sionista o quella di chi viene costantemente massacrato?) anche nell’impegno per il ritorno al dialogo come unica via per risolvere il conflitto tra Israele e Palestinesi, e contro le dittature e il terrorismo fondamentalista che ostacolano la rivoluzione democratica nei Paesi del Medio Oriente e nell’Africa Mediterranea.
Auguro all’on. Nirenstein -conclude il presidente del Consiglio- di conseguire nello svolgimento del suo mandato quei successi e quei risultati concreti per i quali si e’ sempre battuta con coraggio, tenacia, grande spirito di servizio e fiducia nella libertà”.

Qui e qui potete farvi una bella cultura di come i sionisti usano trattare il gentil sesso.

Alcune frasi dei maggiori esponenti del sionismo:

Menachem Begin
Primo Ministro d’Israele, 1977 – 1983

“[I palestinesi] sono bestie che camminano su due gambe.”
Discorso alla Knesset di Menachem Begin Primo Ministro israeliano, riportato da Amnon Kapeliouk, “Begin and the ‘Beasts’,” su New Statesman, 25 giugno 1982.

“La divisione della Palestina è illegale. Non sarà mai riconosciuta … Gerusalemme è e sarà per sempre la nostra capitale. Eretz Israel verrà ricostruito per il popolo d’Israele. Tutta quanto. E per sempre.”
Menachem Begin, il giorno dopo il voto all’ONU sulla divisione della Palestina.

Yizhak Shamir
Primo Ministro d’Israele, 1983 – 1984, 1986 – 1992

“I vecchi dirigenti del nostro movimento ci hanno lasciato un chiaro messaggio di prendere Eretz Israel dal mare al fiume Giordano per le future generazioni, per un’aliya di massa (=immigrazione ebraica), e per il popolo ebraico, che tutto quanto sarà radunato in questo paese.”
Dichiarazione dell’ex primo Ministro Yitzhak Shamir al ricordo funebre dei primi dirigenti del Likud, novembre 1990. Servizio locale di Radio Gerusalemme.

“Determinare la terra d’Israele è l’essenza del sionismo. Senza determinazione, noi non realizziamo il sionismo. E’ semplice.”
Yitzhak Shamir,su Maariv, 02/21/1997

«Dobbiamo usare il terrore, l’assassinio, l’intimidazione, la confisca dei terreni e il taglio di tutti i servizi sociali per liberare la Galilea dalla sua popolazione araba» (David Ben-Gurion, maggio 1948, to the General Staff. Da «Ben-Gurion, A Biography», di y Michael Ben-Zohar, Delacorte, New York 1978).

«Israele ha il diritto di processare altri, ma nessuno ha il diritto di mettere sotto processo il popolo ebraico e lo Stato di Israele» (Sharon, primo ministro, 25 marzo 2001, BBC Online).

«C’è bisogno di una reazione brutale. Se accusiamo una famiglia, dobbiamo straziarli senza pietà, donne e bambini inclusi. Durante l’operazione non c’è bisogno di distinguere fra colpevoli e innocenti».
(1967, Ben Gurion, il “padre” di Israele)

Credo che sia chiaro quale siano i pensieri umani di questa gentaglia. Mi meraviglia che il santo padre, di fronte a tale crimine, non  usi il tono di voce che si addice in queste situazioni: possiamo pensare che anche lui abbia qualche goccia sionista nel suo sangue o che la chiesa tutta sia in mano a dei criminali?

Piccola nota per i contronegazionisti: in un documento del Governo degli Stati Uniti (FBI) si parla del numero di ebrei presenti nei territori occupati dai nazisti in un numero massimo di 2.000.000…sbaglio o c’è qualcosa che non va nei calcoli matematici che ci propinano da decenni? Se lo dice un sito governativo americano che ha i suoi gioiellini (leggasi coglioni) stretti nella morsa sionista allora la verità è forse un’altra?

GUERRA ALLA LIBIA: SOLO UN ALTRO INTERVENTO PER SALVARE LE BANCHE

3 luglio 2011 Lascia un commento

Ne avevamo già parlato in altri articoli di come il sistema bancario internazionale, gestito dalla Banca dei Regolamenti internazionali, fosse alla base dell’esportazione democratica nei paesi arabi; avevamo già sostenuto, come il paese africano, colonia europea prima è ora terra selvaggia di conquista; avevamo già indicato che le spinte e le mire di conquista nella Libia altro non erano che fumo negli occhi per depredare il tesoro del Fondo Libico, le risorse petrolifere, ma sopratutto rompere il sistema monetario che Muammar Gheddafi aveva iniziato a costruire con la Lega Africana per la creazione di una moneta unica africana contro la prepotenza del dollaro. Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: