Home > America, Armi, Francia, Italia, Manipolazione, Massoneria, NWO, Popolo, Società, Violenza > Fine della sovranità nazionale.

Fine della sovranità nazionale.

Aggiornamento del 14.02.2012

Molti ancora non se ne sono resi conto, ma questa forza di polizia che leggerete nell’articolo sotto è ora operante a 360°. Il potere è assoluto e se vogliamo fare un paragone, è come paragonare la FEMA americana assieme alla NSA.
Siccome ora i tempi per mettere in campo questi cani da guardia è arrivato dobbiamo aspettarci qualcosa che avrà il sapore di arresti improvvisi, senza un atto d’accusa, senza una prova, ma solo dei sospetti. L’esatta copia di quella che gli Usa hanno fatto con l’approvazione dell’ultima legge sulla libertà personale il National Defense Authorization Act.
Gente! Aprite gli occhi e non fatevi infinocchiare
come altri blogger riportano, i quali considerano questo genere di “arma” una specie di Interpol o FBI, per altra senza entrare nello specifico. Questo è un corpo superiore alla polizia militare, alla polizia locale e alla Interpol. Chiamiamola polizia politica con compiti militari atti a “redimere” quelle società/popolazioni/gruppi sociali che non si piegano ai voleri di un potere che nessuno ha voluto e che nel caso europeo è rappresentata dalla Commissione Europea composta da persone che nessun europeo ha mai votato…chiedetevi chi è stato allora e date uno sguardo al retroterra dei loro sostenitori per capire meglio.

—-

Sicuramente molti di noi non conosceranno il trattato di Velsen che è stato siglato il 18 ottobre del 2007. Alla fine con tutti i trattati che vengono stipulati e ratificati non ci si raccapezza più, no?

Beh, in questo caso sarebbe opportuno che le forze politiche italiane e i vari mezzi di informazione, relazionassero su questo trattato e di come è stato realizzato.

In sostanza è un accordo tra alcuni paesi dotati di Polizie militari: Francia (Gendarmerie), Spagna (Guardia Civil), Portogallo (Guardia Nacional) e Olanda (Marechaussée) e ovviamente, per l’Italia, i Carabinieri. Da questo trattato è nato Eurogendfor una sorta di polizia sovranazionale che controlla tutto e tutti,  “una forza «pre-organizzata e dispiegabile in tempi rapidi» e capace «di eseguire tutti i compiti di polizia previsti nell’ambito delle operazioni di gestione delle crisi». Ovviamente ci si domanda quale crisi si intende quando dicono “gestione delle crisi” .

I compiti di questo misterioso corpo paramilitare di polizia secondo l’art. 4) del trattato di Velsen:

  1. quello di condurre missioni di sicurezza e ordine pubblico;  
  2. monitorare, svolgere consulenza, guidare e  supervisionare le forze di polizia locali nello svolgimento delle loro ordinarie mansioni, ivi compresa l’attività’ d’indagine penale;  
  3. assolvere a compiti di sorveglianza pubblica, gestione del traffico, controllo delle frontiere e attività’ generale d’intelligence;  
  4. svolgere attività’ investigativa in campo penale, individuare i reati, rintracciare i colpevoli e tradurli davanti alle autorità’ giudiziarie competenti;
  5. proteggere le persone e i beni e mantenere l’ordine in caso di disordini pubblici; 
  6. formare gli operatori di polizia secondo gli standard internazionali;  
  7. formare gli istruttori, in particolare attraverso programmi di cooperazione. 

A commento degli articoli sopra citati mi viene il dubbio del doppione delle attività della polizia con questi compiti. Ma vediamo anche l’art. 5) cosa recita:

EUROGENDFOR potra’ essere messa a disposizione dell’Unione Europea (UE), delle Nazioni Unite (ONU), dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE), dell’Organizzazione del Trattato  del Nord Atlantico (NATO) e di altre organizzazioni internazionali o coalizioni specifiche.

Da questo si evince quindi che le forze messe in campo potranno operare anche in settore e aree differenti da quelle europee. Il fatto stesso che si precisi la presenza della Nato o di altre organizzazioni internazionali o coalizioni specifiche non lascia spazio a dubbi: la costituzione di una sorta di super-polizia sovranzionale con compiti extra-territoriali e non specificatamente rispondenti alle leggi dei diversi stati.

Ma chi comanda questa super-polizia? Il CIMIN che è un organo composto da personale nominato dal ministero della Difesa ed Esteri esercitando il controllo politico sulla nuova super-polizia e le condizioni di ingaggio. In sostanza il EUROGENDFOR  non risponde a nessun parlamento, né nazionale, né europeo, ma solo ed eslusivamente al CIMIN.

Questo è il fatto più grave in assoluto, poiché secondo il disegno di legge 3083-A e successiva Legge n. 84/10 del 14 maggio 2010, GU n. 134 del 11 giugno 2010, passata al Senato in assoluto silenzio, si scopre che Eurogendfor (già assolutamente attiva e funzionante benché l’Italia ancora non abbia ratificato), SOSTITUENDO e/o rinforzando le forze di polizia aventi status civile, può compiere un ampio spettro di attività. E come se non bastasse, sempre secondo il Trattato di Velsen all’art.  19) si legge che

  1. Se utilizzati per ragioni d’istituto, i beni, i redditi ed le altre proprieta’ appartenenti ad EUROGENDFOR sono esenti da qualsiasi forma di tassazione diretta.
  2. Gli acquisti di beni o servizi di consistente importo da parte di EUROGENDFOR per uso ufficiale sono esenti dall’imposta sul volume d’affari e da altre forme di tassazione indiretta.  
  3. L’importazione di beni e merci destinati ad uso ufficiale da parte di EUROGENDFOR è esente dal pagamento dei dazi doganali e da altre forme di tassazione indiretta.  
  4. I veicoli di EUROGENDFOR destinati ad  uso ufficiale sono esenti da tasse di immatricolazione ed automobilistiche.

Una pacchia totale!

Ma quello che è l’ossatura della super-polizia è

l’art. 21) Inviolabilita’ dei locali, degli edifici e degli archivi;
l’art. 22) per l’immunità dei provvedimenti esecutivi (nessuno potrà fare causa all’ EUROGENDFOR )
l’art. 23) comma 3 Le comunicazioni indirizzate ad EUROGENDFOR o da questa ricevute non possono essere oggetto di intercettazioni o interferenza.
l’art.28) i Paesi firmatari rinunciano a chiedere un indennizzo per danni procurati alle proprietà nel corso della preparazione o esecuzione delle operazioni. L’indennizzo non verrà richiesto neanche in caso di ferimento o decesso del personale di Eurogendfor;

Il 14 maggio 2010 la Camera dei Deputati della Repubblica Italiana ratifica l’accordo. Presenti 443, votanti 442, astenuti 1. Hanno votato sì 442: tutti, nessuno escluso. Poco dopo anche il Senato dà il via libera, anche qui all’unanimità. Il 12 giugno il Trattato di Velsen entra in vigore in Italia. La legge di ratifica n° 84 riguarda direttamente l’Arma dei Carabinieri, che verrà assorbita nella Polizia di Stato, e questa degradata a polizia locale di secondo livello per i sottufficiali, mentre i graduati passeranno direttamente alle dipendenze del CIMIN. In altri termini è  stata creata una sorta di struttura militare sovranazionale che potrà operare in qualsiasi parte del mondo, sostituirsi alle forze di Polizia locali, agire nella più totale libertà (leggi immunità) e che, al termine dell’ingaggio, dovrà rispondere delle sue azioni al solo comitato interno.

Uno degli aspetti inquietanti è la sede scelta per Eurogendfor: la caserma dei carabinieri «Generale Chinotto», che si trova a Vicenza. La stessa città dove è situata la più grande base militare statunitense in Italia, base che non è a disposizione della NATO ma soltanto del Pentagono, che vi mantiene un buon numero di testate nucleari.

Credo che ogni italiano con la propria ragione sappia distinguere tra ciò che è bene e ciò che è male e per quelli che ancora hanno capito di cosa si tratti consiglio di leggersi di nuovo l’articolo, perché siamo arrivati ad un punto di non ritorno di orwelliana memoria.

Fonti: stampalibera.compaolofranceschetti eurogendforgoverno.iteuropa.eu

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: