Home > Politica > La falsità di Napolitano, massone comunista.

La falsità di Napolitano, massone comunista.

Tale e tanta è la protervia, l’arroganza, la demenza senile del nostro presidente della repubblica delle banane italiana, Napolitano, che alla cerimonia di inaugurazione di un monumento in onore a Alexander Dubcek si è sentito in dovere di rendere omaggio a quello che fino a qualche anno era suo nemico  che avrebbe sicuramente eliminato in un lager in Siberia.

All’epoca dell’invasione comunista della Cecoslovacchia da parte dei sovietici, il nostro benemerito demente era a uno dei personaggi più influenti del Partito Comunista Italiano (PCI). Epoca nella quale migliaia di persone in quella terra e nell’europa dell’Est sparirono proprio perché contrarie a quella invasione. Stranamente non risulta in nessuna testata giornalistica un discorso contro tale invasione, come non risulta nessuna parola a favore di Alexander Dubcek pronunciata da Napolitano.

Rinsavimento opportunista o alzeimer propizio?

Adesso, con la morte che gli tocca la spalla, il vecchio demente con la coscienza di un infame massone, cerca la mediazione terrena per salvarsi l’anima di fronte a quello che con un colpo solo gli stacchera la vita da quel fetido corpo che ha tradito gli italiani.

Però, leggendo l’articolo ‘‘i rappresentanti della Repubblica slovacca e della Repubblica italiana si siano ritrovati in un giudizio che valorizza, come è giusto, la personalità di Dubcek, che è stato davvero un campione degli ideali di libertà e anche di autonomia e di indipendenza nazionale”, viene da pensare che nella realtà il suo ideale è rimasto comunista come lo era allora, altrimente come potrebbe capire e definire Dubcek “un campione degli ideali di libertà” proprio lui che era a capo del partito più estremista e filosovietico e che l’avrebbe sicuramente fatto fucilare.

Fonte: Adkronos

Annunci
  1. Andrea
    30 aprile 2011 alle 14:46

    non hai detto niente di che …sappiamo tutti che è un massone e che il comunismo sta a lui come l’acqua sta al fuoco.

    • 30 aprile 2011 alle 18:33

      E’ vero hai ragione, ma la memoria per molti, tantissimi, è veramente corta e…come dicono i latini “repetita juvant” e siccome il verbo comune è un altro, preferisco battere in quella parte della memoria stracolma di polvere.

  2. dorin
    26 dicembre 2011 alle 23:24

    Nessun commento , avevo il sospetto che fosse massone .

  3. acumba
    24 gennaio 2012 alle 22:45

    abbasso napolitano…peggior uomo-presidente di tutta la storia d’Italia

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: