Home > Società > Digitale? ‘Na presa per il naso.

Digitale? ‘Na presa per il naso.

Buona parte delle regioni italiane sono passate al digitale terrestre ed alcune avranno la bella sorpresa tra il 2011 ed il 2012:

Le notizie che giungono da più parti d’Italia sono molto contrastanti, ma si sa i media non evidenziano mai lo stato reale delle cose e cercano spesso di portare acqua al loro mulino solo per vendere qualche copia in più o per aumentare il grado d’ascolto. Nei fatti accade che molte famiglie siano costrette, volenti o nolenti, ad acquistare questo maledetto decodificatore per il segnale digitale.

La spesa in sè è banale – dai 15 ai 120 euro – ma la domanda che molti si sono posti è: perché mi devo accollare una spesa che non ho deciso io? O meglio, visto che buona parte delle trasmissioni viaggiano su sistemi digitali, perché al cittadino non viene concesso uno sconto pari al costo minimo di un decodificatore?
Invece no! Il cittadino, di qualunque fascia economica è obbligato a pagare, fatto salva quelli che sono compresi nella fascia di reddito 0 ≤ 10.000.

Ma gli altri? E chi se ne frega degli altri!!!

Non bastasse, la maggior parte degli italiani ha anche un video-registratore che, con il sistema precedente, permetteva di registrare un canale e nel frattempo vederne un altro. Adesso no, a meno che ogni cittadino non comperi un registratore con già inserito il decodificatore. Quindi, se si vuole usare quello acquistato un anno fa, per esempio senza decodificatore, si deve acquistare a parte un altro decodificatore e tutto torna come prima.
Pare! Ma non è assolutamente vero.

Ogni decodificatore assorbe in attesa (stand-by) circa 5÷10 W/ora che a fine anno comportano un consumo di 43.800 watt pari a 43,8 kW.
Niente male vero per le casse dell’Enel? Se poi se ne aggiunge un secondo il valore si raddoppia fino a oltre 87,6 kW.

Un costo in più che, se vogliamo, dobbiamo sopportare per una scelta NON richiesta da nessuno, ma solo per avvantaggiare le solite aziende come Enel, Terni Energia e compagnia cantando.

Capita però che gli italiani di fondo siano una speciale razza in via di estinzione capaci di guardare solo fino alla punta del proprio naso e così, animati da una irrefrenabile isteria collettiva per la novità del digitale , corrano a gettare il caro e vecchio televisore per acquistare quei pannelli rettangolari dai costi impensabili, nei quali la visione del digitale è  peggiore di quelli a tubo catodico. Piuttosto che avere un decoder dalla spesa modica preferiscono indebitarsi per un pannello in cui la garanzia non copre alcuni difetti di visione, come ad esempio i punti neri sugli LCD.
Alla faccia della nuova tecnologia, eh?

Paga schiavo!

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: